L’Anguria, la regina del ferragosto

L’anguria, il frutto che in assoluto ci ricorda che siamo in piena estate (nel caso non ci avessimo fatto ancora caso), ha delle antichissime origini anche se non tutti lo sanno! A quanto pare già 5 mila anni fa, in antico Egitto, si era soliti consumare l’anguria e metterla anche nelle tombe dei faraoni per il loro sostentamento.

Oggi il nostro consumo di anguria è decisamente diverso (per fortuna) e siamo soliti mangiarla così com’è o aggiunta ad una ricca macedonia.

Questo frutto però, oltre ad essere buonissimo ed invitante, ha delle grandi proprietà diuretiche, è depurativo, dissetante, contiene vitamine, fibre, proteine, sali minerali, è antiossidante e ci protegge dai tumori, dalle malattie respiratorie e quelle al fegato.

A moltissime persone farà sicuramente piacere sapere inoltre che 100 grammi di anguria equivalgono soltanto a 20 calorie!

Come scegliere l’anguria

Quante volte avete scelto con cura l’anguria da acquistare e poi avete scoperto che non era affatto saporita? Per portare a casa un’ottima anguria dovrete prestare attenzione a due cose:

  1. Dandogli un colpetto dovrete sentire come una sensazione di vuoto.
  2. La presenza di striature o zone gialle sono il segnale che il frutto è ben maturo.

Nonostante queste indicazioni potrà comunque capitare di acquistare un frutto non troppo gustoso.

In quel caso sarete stati sfortunati!

Come tagliare e servire l’anguria

Ogni anguria si presta ad un tipo di taglio differente. Ecco in che modo potrete tagliare e servire la vostra anguria tonda, lunga e baby.

Tonda

Tagliate l’anguria in due parti e poggiatene una mettendo la polpa rivolta sul tagliere. Eliminate un po’ alla volta la sua buccia (dovreste ottenere una cupola) e fate quindi dei tagli verticali ed orizzontali. A questo punto prendete un’ampia ciotola e mettetela sulle fette di anguria compatte (tipo come fosse un cappello). Ribaltate il tutto tenendo ben saldo il tagliere ed aggiungeteci su degli stecchi di legno lunghi. Avrete ottenuto così delle comodissime fette di anguria alte e strette, sfiziose da gustare e comode da servire.

Lunga

Rimuovete la calotta alle due estremità e, con un unico taglio, prendete 1/3 dell’anguria e mettetela sul tagliere. Rimuovete la sua buccia infilando il coltello tra la polpa e la parte bianca e giratelo tutto intorno. Una volta staccato il frutto potrete sollevare la buccia e tagliare l’anguria in grossi pezzi, da servire su un piatto da portata.

Baby

Molto probabilmente l’anguria baby è quella più facile da tagliare. Rimosse le sue calotte e messo il frutto in verticale sul tagliere, dovrete fare un taglio che va dall’alto verso il basso. Entrambi le parti dovranno essere poggiare con la polpa sul tagliere e divise in fette orizzontali e verticali. L’anguria potrà essere portata in tavola direttamente sul tagliere o in un piatto da portata, l’importante è che le varie fette vengano lasciate a testa in giù e con la buccia rivolta verso l’alto.

Idee con l’anguria

Se avete dell’anguria a casa ecco per voi alcune sfiziose ed invitanti idee per portarla in tavola, magari proprio domani per festeggiare il Ferragosto

Insalata di Anguria e Feta

Chi ha detto che l’anguria non può essere servita come sfiziosa insalata? Privandola dei suoi semini e tagliandola a tocchetti, basterà poi unirla alle olive nere denocciolate, la cipolla tagliata a fette sottili, delle foglioline di menta fresca e pezzetti di formaggio feta. Un’insolita ma anche fresca insalata!

Qui la ricetta completa dell’Insalata di Anguria e Feta.

Anguria Art

L’anguria art è uno dei modi più scenici per portare in tavola l’anguria. Vere e proprie opere artistiche vengono preparate intagliando la buccia di questo frutto che, una volta svuotato della sua polpa, verrà riempito con un mix di frutti di stagione. Ovviamente anche con tocchetti di anguria!

Bucce d’Anguria sott’Aceto

Con la parte bianca che si trova tra la buccia e la polpa è possibile fare l’anguria sott’aceto. Per questa preparazione servirà mettere questi pezzetti in una soluzione di acqua fredda, sale e ghiaccio e lasciarli così riposare in per circa 3 ore. Trascorso questo tempo e, dopo aver risciacquato l’anguria, si passerà alla cottura in acqua per 10 minuti prima di ricuocerla per 5 minuti con aceto, acqua, zucchero e spezie. A questo punto le bucce dovranno riposare in frigorifero, per una notte, con delle fette di limone ed essere cotte (sempre nello sciroppo in cui sono immerse) per 1 ora. A questo punto si potrà travasarli nei barattoli sterilizzati assieme alla cannella ed allo sciroppo, richiudere con dei tappi e creare quindi il sottovuoto bollendoli.

Anguriata

In un falò, una cena estiva all’aperto oppure una festa, l’anguriata è proprio quello che non deve mai mancare! Una volta rimossa la calotta di una grande anguria ed averla svuotata della sua polpa, ecco che si potrà riempirla con una varietà di frutta tagliata a pezzi, uno sciroppo a base di acqua, zucchero e limone ed in ultimo… vodka! La frutta prenderà un leggero sapore di vodka e si farà a gara per riuscire a mettere la propria cannuccia all’interno dell’anguria.

Qui la ricetta completa dell’Anguriata.

Marmellata d’Anguria

La marmellata di anguria si prepara privando la polpa dei suoi semini e trasferendola in pentola con una mela e del succo di limone. Dopo averla fatta cuocere per circa 45 minuti e frullata ecco che potrà essere messa in un vasetto sterilizzato! Potrete pensare di regalarla oppure di tenerla tutta per voi e consumarla a colazione. Davvero deliziosa!

Pizza d’Anguria

La pizza in questione qui è l’anguria stessa! Un’altra ricettina scenica per preparare una macedonia di frutta in modo diverso. Una volta tagliata una spessa e larga fetta rotonda d’anguria, dovrete farcirla con frutti di bosco, banana ed una spolverata di farina di cocco. Anche i più piccini ne vorranno un pezzo!

Cheesecake all’Anguria

Avete letto bene, il cheesecake può essere anche al gusto anguria. Dopo aver fatto la base di biscotti e burro fuso, la farcitura con yogurt, zucchero e panna, ecco che sarà il turno dell’anguria. La sua polpa dovrà essere sciolta con dello zucchero ed utilizzata come ultimo strato del dolce, mettendo anche delle gocce di cioccolato come fossero i semi del frutto in questione. A completare il cheesecake servirà del colorante alimentare verde che fungerà da buccia!

Qui la ricetta completa del Cheesecake all’Anguria.

Gioielli con Semi d’Anguria

Quanti di voi eliminano i semi dalla fetta d’anguria per poi buttarli? Niente di più sbagliato! Con i semi di anguria ben lavati ed asciugati sarà possibile preparare bracciali e collane coordinati. Armandovi di ago e filo di nylon potrete bucare ad uno ad uno i semini e creare dei bellissimi accessori artigianali ma soprattutto naturali!

 

Come userete voi quest’anno la vostra anguria?