Cibi inaspettati che non si possono congelare

Una delle invenzioni più utili degli ultimi tempi è stata senza ombra di dubbio quella del congelatore.

Grazie a questo elettrodomestico siamo passati ad una conservazione molto più pratica e funzionale dei cibi, che una volta invece venivano mantenuti più a lungo utilizzando del ghiaccio e della neve!

La comodità di avere un freezer a casa ci ha permesso di congelare praticamente di tutto, dagli ingredienti crudi a quelli cotti, dalle preparazioni dolci a quelle salate, senza sapere però che non proprio tutto andrebbe congelato.

Molti cibi infatti non risultano essere adatti a questo metodo di conservazione, eccone alcuni:

Verdure a foglia verde

Tutte le verdure a foglia verde abbondano di acqua ed è proprio per questo che è preferibile non congelarle. Una volta scongelate, infatti, perdono la loro consistenza, diventando flosce e prive di sapore. La stessa cosa accade anche con i finocchi, il sedano ed i cetrioli.

Patate

Possono essere conservate per lungo tempo all’interno di un sacchetto riposto in un luogo fresco (non in frigorifero) ed asciutto, perché metterle nel freezer quindi? Le patate non andrebbero mai congelate, crude o cotte che siano, perché perderebbero la croccantezza risultando pastose. Sacrilegio!

Pomodori

Lo so, vi è capitato di aver congelato i pomodori prima che facessero una brutta fine ma quando li avete presi per utilizzarli sono risultati decisamente molli e poco pratici al taglio. In realtà i pomodori possono essere messi in freezer, purché siano cotti però! Prima di congelarli è meglio quindi se li impiegate per la ricetta di un buon sugo, da congelare e poi scongelare all’occorrente.

Frutta ricca d’acqua

Non tutta la frutta è uguale (chiaramente, direte voi!) ed esistono alcune varietà che hanno un quantitativo di acqua decisamente maggiore in confronto alle altre. Parliamo nello specifico di uva, anguria, melone, ananas e mele, quei frutti che una volta trasferiti in freezer finiscono per trasformare la parte liquida in cristalli di ghiaccio. Non è meglio preparare una bella macedonia e farla fuori in appena 5 minuti?

Salse

Ovviamente non parliamo di tutte le salse, ma soltanto di quelle che tanto vi piace mettere nel vostro hot dog: ketchup e maionese. La maionese, nello specifico, parte svantaggiata per la presenza delle uova che altera la consistenza della salsa una volta entrata in contatto con una temperatura glaciale! Tutti coloro che difficilmente riescono a finire un barattolo prima della scadenza, potrebbero pensare di preparare queste salse in casa evitando così inutili sprechi e conservanti. Quando si dice “Due piccioni con una fava!”.

Cibi fritti

Mangiare cibi fritti non è proprio così salutare, è vero, ma rinunciare ad una preparazione bella calda calda e profumata è piuttosto difficile. Ogni tanto, quando ci concediamo qualcosa di fritto (di qualsiasi cibo si tratti), facciamo almeno in modo che sia una preparazione del momento! Trasferire in freezer ciò che avete cotto in abbondante olio, per poi mangiarlo chissà quando, porta via tutta la poesia racchiusa in una deliziosa fritturina. Fate vostro magari il motto: “Poco ma buono!”.

Uova

Al termine di un grande pranzo o di un buffet è molto facile che avanzi qualcosa in tavola. Questo accade quasi sempre con le uova sode, è vero? Per fortuna c’è la possibilità di consumarle anche nei giorni successivi, evitando magari di metterle nel congelatore perché poi, una volta scongelate, risulterebbero decisamente gommose. Anche le uova crude non sono adatte al congelatore, qui il loro liquido si espande e finisce per rompere il guscio. Meglio quindi consumarle prima della loro scadenza o nei giorni successivi, se si tratta di quelle sode.

Latte e Panna

Latte e panna sono due ingredienti molto delicati che necessitano di una particolare attenzione per quanto riguarda la loro conservazione. Trasferire nel freezer il latte significa, infatti, ritrovarlo poi con una consistenza particolarmente granulosa. Sicuramente non tutti sanno inoltre che la panna da montare, una volta congelata, non potrà essere più utilizzata per il suo scopo perché perderà tutte le capacità. Per entrambi gli alimenti è preferibile quindi, una volta congelati e poi scongelati, destinarli esclusivamente alla cottura per la preparazione di saporiti piatti.

Formaggi

Ebbene si, nella classifica dei cibi che non si possono congelare ci sono anche i formaggi. Per fortuna non tutti però! Quelli semi duri e duri possono tranquillamente essere avvolti in una pellicola o una busta per alimenti e riposti poi nel freezer per un massimo di 6 mesi. A non dover essere congelati sono invece quelli con alta percentuale liquida, come nel caso della ricotta e della mozzarella, che una volta scongelati avranno cambiato totalmente consistenza e sapore.