Cosa mangiare a Siviglia

Se siete in cerca di un luogo che conquisti voi ed il vostro palato allora scegliete Siviglia, la capitale dell’ Andalusia.  E’ una città stupenda che mi ha conquistato per il suo sole, il  calore, il folklore, la cultura ed ovviamente la cucina.  Avevo già visitato varie città spagnole e alcune dell’Andalusia, innamorandomene, così, quando l’inverno scorso la compagnia low cost Ryanair ha messo i voli diretti da Napoli per Siviglia ad un prezzo davvero basso, ho preso l’occasione al balzo per prenotarmi un viaggetto di piacere in questa splendida città.

In Spagna si sa, si  mangia molto bene, ma è probabilmente proprio l’Andalusia la regione dove si mangia meglio. Qui le tradizioni contadine e marinare si fondono alla perfezione con le creatività della cucina internazionale, creando dei piatti “poveri” ma ricchi di gusto. Dalla montagna alla costa, passando per la campagna, i prodotti di questa terra sono davvero infiniti ed infatti la cucina di Siviglia offre tantissime ricette sia di terra che di mare, tutte da consumare sulle terrazze di bar e ristoranti, rigorosamente in compagnia.

Cosa mangiare a Siviglia

Nonostante non si tratti di una città di mare, qui il pesce è l’elemento principale della tavola, gamberi, calamari, tonno e baccalà preparati con molta cura e quasi sempre fritti o alla plancia. Per gli amanti della carne non mancano di certo dei gustosi piatti, soprattutto a base di carne di maiale e di pollo. Che mangiate pesce o carne, la cucina a Siviglia è sempre impreziosita dall’uso (appropriato) delle spezie. Proprio come da tradizione araba!

Non mancano le tapas, la preparazione tipica di tutta la Spagna, dei piccoli antipasti che accompagnano le bevande. Siviglia ne è praticamente la patria ed i quartieri di Triana e de La Macarena sono i posti ideali per poterle gustare bevendo un’ottima birra o una sangria. D’altronde in questa città mangiare è un vero e proprio rito sociale e le tapas sono senza ombra di dubbio il pasto migliore per poter fare due chiacchiere e conoscere gente nuova. Quindi “vamos a tapear”… andiamo a fare un giro di tapas!

Ai più golosoni farà sicuramente piacere sapere che di dolci qui ce ne sono tantissimi, tra cui le torrijas (del delizioso pane inzuppato nel latte, ripassato nell’uovo e poi fritto), i borrachuelos (sfiziose frittelle al miele condite con zucchero a velo ed arancia) e gli alfajores (buonissimi biscotti farciti con marmellata di frutta o crema al latte).

Una tipica giornata a Siviglia parte sempre con un desayuno, ovvero la colazione. Proprio come noi italiani anche i sivigliani sono soliti iniziare la giornata con un cappuccino o un succo di frutta, accompagnandolo però con del pane tostato che viene condito con un po’ di olio e dei freschi pomodori tritati, la tostada. A chi non alletta particolarmente questo abbinamento può sempre chiedere la variante del pane tostato con burro e marmellata, sicuramente più simile alla nostra colazione.

Se in strada vi capita di sentire degli odori semplici ma belli forti ed intensi, allora vorrà dire che invece è arrivata l’ora del pranzo, o della cena.

Tra i cibi più amati a Siviglia, ma anche in tutta la Spagna, ci sono le Huevos a la Flamenca. Si tratta di uova cotte al tegamino che vengono poi  messe su un letto di salsa di pomodoro ed infornate con prosciutto a tocchetti, piselli, peperoni, asparagi, salame ed altro ancora.

I Pinchos Morunos sono invece degli spiedini di filetto di maiale o pollo, marinati in paprica dolce e limone e poi successivamente grigliati. Sono molto piccanti e bisogna avere il palato ben allenato per poterli gustare senza mandare la bocca in fiamme!

Non lasciatevi “spaventare” dal famoso Rabo de Toro, preparato in tutta l’Andalusia. Si prepara con aglio, cipolla, olio, sale, vino rosso, peperoni verdi, carote, spezie e… coda di toro. E’ un buon ragù!

Il Cocido Andaluz è invece una ricetta a base di ceci alla quale si aggiungono vari tipi di verdure.

img_1509.jpg

Di sicuro dello Jamon ne avrete già sentito parlare, anche in Italia! Il Jamon è il famosissimo prosciutto, di cui si potrebbe scrivere all’infinito, che si divide in “Jamon Serrano” e “Jamon Iberico”. Il primo si ricava dal suino, proprio come il nostro prosciutto nazionale, mentre il secondo si ottiene da una razza ben specifica, appunto quella iberica.

A Siviglia non perdetevi l’occasione di mangiare le saporite Tortillas de Camarones, le piccole frittate di gamberetti, però vi avviso… una tira l’altra!

Non fanno sicuramente per tutti ma, per chi volesse provarle, i sivigliani hanno una grande tradizione di Caracoles, le lumache di terra.

Che faccia caldo o freddo a Siviglia non potete perdervi invece il Gazpacho Andaluso. E’ una zuppa fredda con pane, pomodori, peperone e cetriolo, tipica della tradizione contadina. A quanto pare veniva consumata maggiormente nei campi, sotto il sole rovente, come spuntino rinfrescante. Nella maggior parte della Spagna sono soliti aggiungere nella zuppa dei cubetti di ghiaccio, un modo molto comune per renderla ancor più fredda.

E da bere?

Ovviamente qui e’ d’obbligo bere la cerveza (la birra) ma in alternativa si può prendere del tinto de verano (il vino rosso d’estate), ovvero del vino con gassosa (o Fanta) davvero molto buono e da provare.

Dove mangiare a Siviglia

Qui ci sono oltre quattromila bar di tapas ed  e’ io sono stata a siviglia solo 5 giorni, quindi e’difficile fare una classica dei posti in cui mangiare, ciononostante vi segnalo quelli che ho particolarmente apprezzato e quelli storici. La cosa bella di mangiar tapas e’ quella che vi si può spostare da un bar e l’altro spilluzzicando qualcosina in ogni posto quindi si possono provare più locali in un’unica sera.
La “Bodega Santa Cruz” qui a Siviglia è un’istituzione. Seppur si tratti di un posto molto spartano resta uno dei più amati, con le sue tradizionali tapas, gli sgabelli in legno ed i prezzi bassi. Ah, il conto viene segnato a matita sulle tovagliette di carta! Bizzarro no?

Altra tappa da non farsi scappare è quella a “El Rinconcillo”, il ristorante  più antico della città (pare che sia aperto dal 1670). Se vuoi mangiare delle ottime tapas è qui che devi arrivare ma puoi scegliere di ordinare anche dal menù come in un classico ristorante, sotto un’infinità di prosciutti appesi al soffitto e sul pavimento ancora originale del posto.

Un altro famoso localino in cui far tappa  è la Bodeguita Romero. Il posto è semplice, il servizio celere e i camerieri gentili. Si può mangiare con meno di 10 euro a testa e si trova in pieno centro, a 10 minuti da Giralda in pratica. Occhio alla folla però, meglio evitare gli orari di punta.

Casa Morales è un altro dei punti in cui si respira la “vecchia” Siviglia. Tapas fenomenali, posto semplicissimo e tantissima gente. Se siete fortunati riuscirete a mangiare ad un tavolo, in alternativa ci sarà sicuramente un po’ di posto al bancone.

Con un nostro amico che abita a Siviglia, siamo stati a Bodeguita Casablanca.Mangiare tapas con vista Cattedrale è stato molto simpatico. Nonostante il locale fosse molto affollato, ci hanno fatto subito accomodare servendoci un antipasto di benvenuto a base di patate aromatizzate con cipolla e prezzemolo per poi proseguire con il nostro giro di birra e tapas.

Ovunque scegliate di fermarvi a mangiare ricordatevi che un giro di tapas a Siviglia costa 2,50 euro mentre un pasto completo a persona è di 15-20 euro circa. La birra costa pochissimo, una caña (ovvero un  bicchiere) costa appena 1 euro!

Per quanto riguarda invece i dessert dovreste fermarvi da “Picatoste” per un Churros con cioccolato. Per chi non lo sapesse sono dei bastoncini di pastella fritti e poi cosparsi di zucchero, deliziosi! In alternativa concedetevi il budino più conosciuto di Siviglia, il Tocino de Cielo, fatto con uova e uova ed accompagnato dal tipico vino dolce andaluso, l’Aljarafe.

E’ vero che siete turisti in questa città e che sicuramente correrete tutto il giorno per non farvi sfuggire nulla (o quasi) ma trovate il modo di cenare al “Tragaldabas“, il ristorante con lo chef Enrique Sanchez. Il locale è moderno e ben curato, con personale professionale e molto disponibile. Il cibo qui è davvero ottimo, con piatti raffinati e particolarmente colorati, ed i prezzi, a differenza di ciò che credevamo, sono accessibili. A noi è piaciuto così tanto che abbiamo fatto il bis tornando a cena qui per due volte 😉

Il “Torres y Garcia” è un altro posto raffinato ed elegante. La cucina è a vista e potrete vedere tutto ciò che bolle in pentola mentre sarete serviti da ottimi camerieri. Abbiamo provato diverse cose, tutte molto sfiziose ma i dolci qui sono a dir poco super!


Per un aperitivo invece vi consiglio la terrazza di El corte ingles, dopo aver fatto un pò di shopping nei grandi magazzini è possibile prendere una boccata d’aria in terrazza sorseggiando una bibita fresca. Oppure vi consiglio di dirigervi verso il Metropol Parasol, una struttura di architettura contemporanea costruita nella piazza della Encarnacion per poi salire sul Mirador, pagando un biglietto di 3 euro potrete salire in cima alla struttura dove potrete sorseggiare una bibita, inclusa nel prezzo del biglietto.  Da entrambe i luoghi si gode di una vista fantastica di tutta la città.


Insomma, l’Andalusia mi sorprende ogni volta e Siviglia e’ decisamente una città da vedere, vivere e perché no… gustare!