Pandori di Natale 2017: i più golosi e buoni per le feste

Con la tipica forma a stella ed il soffice e squisito impasto, il Pandoro è il dolce natalizio più amato dai bambini. Ma non solo! Quante volte ci è capitato di riunirci con gli amici, durante le feste di Natale, gustando un buonissimo Pandoro?

Preparato principalmente con burro, uova e farina, la produzione di questo dolce è legata ad un decreto del 2005 che ne stabilisce l’obbligo in etichetta di ricetta, preparazione e caratteristiche.

Un buon Pandoro dovrà avere soprattutto un’alta percentuale di burro (mai inferiore al 20%), la presenza di tuorli almeno al 4% ed il classico sapore di vaniglia. La sua forma ottagonale stellata, il colore dorato e la sofficità saranno invece frutto di un’accurata preparazione a fermentazione naturale. L’aggiunta di un bianco strato di zucchero a velo in superficie resta invece sempre una scelta personale, seppur si tratti di un tocco estetico in più!

Ovviamente anche per questo dolce esistono delle varianti: con la crema di nocciole, al cioccolato nero o bianco, senza glutine, alla panna, al liquore e così via. La scelta è davvero ardua!

Pandori di Natale 2017

Se per quest’anno siete in cerca di un ottimo Pandoro, ma non sapete proprio per quale optare, ecco quali sono quelli industriali che noi vi consigliamo:

 

Bauli

Almeno una volta nella vita lo abbiamo provato tutti, con la sua inconfondibile confezione rosa e l’allegra pubblicità alla tv. La ricetta utilizzata per il Pandoro di Verona è quella classica ma c’è anche quella per i celiaci, del Pandoro di Verona Senza Glutine, quella del Pandoro Panna e Cioccolato, quella con la crema bianca o nera,  Pandoro Gran Crema e Pandoro Chocolate, e al limoncello, Pandoro Crema di Limoncè. E’ proprio il caso di dirlo: c’è per tutti i gusti!

 

Balocco

Chi ama il liquore inevitabilmente preferisce scegliere il Pandoro Borsci San Marzano, ricoperto di cioccolato al latte, decorato con del cioccolato fondente e farcito con una crema appunto di liquore Borsci S.Marzano. Balocco però da anni ed anni continua a seguire la classica ricetta per la preparazione del Pandoro, utilizzando soprattutto soltanto latte fresco prodotto qui in Italia. Con la sua confezione rossa in un attimo è già Natale!

 

Fraccaro

Morbido e profumato, il Pandoro Fraccaro viene preparato con il lievito madre e lasciato lievitare per ben 72 ore. L’azienda ne produce grandi o piccoli (si perché vengono sfornati anche quelli in formato mini) ma soprattutto biologici. Certificati tutti ICEA (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale), questi Pandori vengono preparati sia nel modo classico che con la farina di farro ed aromi di agrumi. Se v’intriga l’acquisto dovete cercare il Pandoro Bio di Fraccaro.

 

Paluani

Il Pandoro di Verona Paluani può essere acquistato sia singolo o nella confezione contenente lo Spumante Ferrari e lo Spumante Brut. I meno tradizionali ed i buongustai amano invece portare in tavola il Pandoro con Crema al Pistacchio Verde di Bronte D.O.P., oppure il Pandoro con Delicata Crema al Limone Costa D’Amalfi I.G.P.” Voi prendereste quello classico, al pistacchio o al limone?

Maina

Non sappiamo se tra quelli industriali vado messo al 1° posto, fatto sta che fa parte dei migliori. La sua versione più classica è quella Gran Pandoro, davvero buonissima, con la variante Pandoro Cuore di Tartufo che aggiunge al normale impasto anche delle irresistibili gocce di cioccolato. Per chi volesse prenderli come regalo può inoltre scegliere di acquistare una delle varie confezione disponibili, contenenti all’interno anche una bottiglia di spumante di marche differenti. Se siete fortunati vi capiterà molto spesso di trovare i Pandori Maina in offerta al supermercato, un motivo in più per poter comprare un prodotto decisamente buono ad un prezzo strepitoso.

 

Motta

Motta prepara ogni anno il Pandoro classico ma anche il Pandorino, di 90 grammi. Noto ed apprezzato da sempre c’è anche però il Tartufone il Pandoro Tartufato, ripieno di crema di gianduia e ricoperto di cioccolato fondente come perfetta sostituzione dello zucchero a velo. Ovviamente nessuno vieta che si possa aggiungere anche quello per spolverare il tutto eh!

 

Cosa farete quindi quest’anno, classico o innovativo?