Gambe pesanti o gonfie? E se dipendesse anche da ciò che mangiamo?

Problemi di circolazione, ritenzione idrica, ma anche un’eccessiva sedentarietà e una dieta scorretta sono tutte cause che possono concorrere a creare quella fastidiosa (e pericolosa) sensazione di gambe pesanti e gonfie, che diventa opprimente soprattutto con l’arrivo del caldo e dell’estate. Ci sono però alcuni rimedi che ci possono aiutare a limitare il problema, e proprio l’alimentazione è un importante alleato per avere gambe leggere e ridurre i rischi di stasi venosa.

Come combattere le gambe pesanti

Nella stagione calda, ritenzione idrica e gambe gonfie sono spesso problemi quotidiani delle donne: in effetti, la vasodilatazione tende ad aumentare quando le temperature salgono, provocando un maggiore ristagno dei liquidi, che rappresenta appunto una delle cause principali delle gambe pesanti e della comparsa di cellulite e pelle a buccia d’arancia.

Anche la sensazione di avere gambe indolenzite e stanche è un sintomo di cattiva circolazione, e più precisamente può essere l’effetto di una alterazione del microcircolo degli arti inferiori, che complica la risalita del sangue verso il cuore e lo fa ristagnare nelle gambe. Da questo si determinano gonfiore, cattiva ossigenazione dei tessuti, fragilità e dilatazione di vene e capillari, ritenzione idrica e cellulite.

Se non ci sono particolari patologie (come ad esempio uno squilibrio tra il sistema venoso e quello linfatico o una problemi nella circolazione sanguigna), il problema delle gambe pesanti per stasi venosa può essere causato da uno stile di vita poco equilibrato, e in particolare da un’eccessiva sedentarietà e da abitudini personali “sbagliate”, come trascorrere molte ore seduti e con le gambe incrociate, indossare abiti troppo stretti o tacchi troppo alti, abuso di fumo e alcool.

L’alimentazione per migliorare la circolazione

Altro aspetto critico in tal senso è una dieta scorretta, mentre al contrario un’alimentazione sana, varia e drenante è il primo rimedio per sgonfiare le gambe e combattere ritenzione idrica, cellulite e pelle a buccia d’arancia.

I cibi alleati per avere gambe leggere sono verdura, frutta, carni bianche, uova, pesce o legumi, ma anche i carboidrati complessi in versione integrale, mentre uno dei “nemici” è il sale, che in dosi eccessive può spingere i reni a eliminare calcio (aumentando il rischio osteoporosi) e richiama acqua dalle cellule ai vasi, favorendo proprio gonfiori e cellulite. Una buona pratica è non aggiungere sale agli alimenti, sostituendolo con spezie o erbe aromatiche quando cuciniamo ed evitando i cibi che ne contengono quantità eccessive (ad esempio prosciutto, pizza, alici, carni in scatola).

Prima di andare a vedere la lista degli alimenti perfetti per un menu anti-gonfiore, cerchiamo di capire in generale quali sono le caratteristiche positive che non devono mancare nelle nostre diete. La verdura e la frutta sono ottime fonti di vitamine, fibre e minerali, ma bisogna fare attenzione all’apporto di zuccheri (soprattutto per la frutta fresca), privilegiando prodotti ricchi di potassio, minerale che bilancia il sodio. Il suggerimento è di consumare almeno 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, per fare un carico di nutrienti positivi per un’azione diuretica, depurativa e drenante.

Anche l’olio extravergine di oliva è un alleato di salute, perché il contenuto di vitamina E lo rende un perfetto antiossidante e antiaging, capace di rinforzare le pareti dei vasi e proteggere tutte le vitamine dall’ossidazione. Per questo, è consigliabile aggiungere un filo d’olio ai piatti a base di carni bianche, uova, pesce o legumi, rafforzando così l’apporto proteico di tali prodotti.

Come detto, poi, non devono mancare i carboidrati complessi, come quelli apportati da pasta, pane, riso, ma per limitare l’apporto calorico possiamo scegliere le versioni integrali, che sono anche più ricche di fibre. Proprio le fibre sono fondamentali contro le gambe pesanti, perché allontanano la stitichezza e assicurano la giusta mobilità intestinale.

Quali alimenti favoriscono la circolazione e le gambe leggere

Insomma, l’alimentazione gioca una parte importante per prevenire il problema della stasi venosa e attenuarne i sintomi, e alcuni cibi in particolare possono aiutarci ad avere gambe leggere, perché hanno un effetto drenante e protettivo sul microcircolo che migliora la circolazione e contrasta la comparsa di gonfiore e ritenzione.

Ecco quindi 5 alimenti che possono aiutarci ad avere gambe leggere in estate.

  1. Ananas

L’ananas è un importante alleato contro la ritenzione idrica, perché ha un forte potere diuretico derivante dal contenuto di minerali come il sodio, il potassio, il calcio, il magnesio, il manganese e il ferro, in aggiunta a fibra e bromelina. In particolare, quest’ultimo è un enzima presente nel gambo che svolge un’azione antinfiammatoria, che aiuta quindi a sfiammare i tessuti gonfiati dal ristagno dei liquidi e ad allontanare gonfiore e pesantezza alle gambe.

Noto anche come alimento brucia-grassi, l’ananas si può consumare fresco come spuntino naturale, in aggiunta a uno yogurt o in frullato, ma può anche essere inserito in insalate o grigliato leggermente per renderlo più gustoso.

  1. Cipolla

Anche la cipolla è un alimento capace di svolgere un’azione diuretica e depurativa, particolarmente utile per evitare il gonfiore e l’accumulo di liquidi negli arti inferiori. In effetti, questo ortaggio è ricco d’acqua (che rappresenta il 92% della sua composizione), di acido glicolico e di sali minerali come il potassio. Possiamo aggiungere la cipolla in insalata cruda, oppure prepararla cotta al vapore, al forno o saltata in padella con altre verdure per ottenere un contorno sfizioso e salutare.

  1. Fagiolini

I fagiolini favoriscono la diuresi perché hanno un elevato contenuto di acqua e di potassio e, di contro, una bassissima presenza di sodio: quando li consumiamo, quindi, favoriamo l’eliminazione dei liquidi evitandone l’accumulo nei tessuti. Le ricette con fagiolini sono molteplici, e l’importante è non esagerare con i condimenti, in particolare con il sale, cercando anzi di insaporire questi legumi solo con spezie o aromi e con un filo d’olio evo.

  1. Finocchio

Anche il finocchio è un alimento dalle utili proprietà diuretiche e può quindi aiutarci ad avere gambe leggere; inoltre, possiede pochissime calorie e apporta molte fibre, e ha anche un alto potere saziante. Per consumarlo, possiamo semplicemente sgranocchiarlo al naturale e inserirlo in insalate (dove rappresenterà un elemento croccante sfizioso da trovare), oppure cuocerlo al vapore per un contorno salutare o, ancora, preparare un’infusione da bere al termine dei pasti.

  1. Frutti Rossi

In linea di massima, tutti i frutti rossi – mirtilli, more, ribes, ma anche fragole e ciliegie – sono alimenti utili per battere ritenzione idrica e gambe pesanti: sono infatti naturalmente ricchi di sali minerali quali magnesio e potassio, ma anche di polifenoli e di antociani, antiossidanti che mantengono in salute i capillari sanguigni e migliorano la microcircolazione. Inoltre, le fragole sono anche ricche di vitamina C, noto toccasana per rinforzare il sistema immunitario e anche per migliorare la circolazione, evitando edemi e accumuli di tossine nei tessuti.