LastMinuteSottoCasa: l’app anti-spreco alimentare che ci piace da impazzire

Si parla sempre più di lotta allo spreco alimentare, e per fortuna si moltiplicano anche iniziative e progetti per contrastare in modo concreto un problema che, solo in Italia, si quantifica in circa 36 chili all’anno pro capite che diventano avanzi da gettare, con un valore di 6,5 miliardi di euro ogni anno (pari a cinque euro alla settimana che finiscono in spazzatura). L’ultimo progetto in tal senso si chiama Last Minute Sotto Casa, una speciale app anti-spreco che mette in contatto negozianti e clienti e trasforma le eccedenze alimentari in opportunitàda cogliere.

Che cos’è Last Minute Sotto Casa

LMSC è “la più grande community digitale antispreco” creata da Up Day, che sul sito viene definita “startup innovativa a vocazione sociale”: la app LastMinuteSottoCasa funziona già da alcuni anni, conta circa 100mila download e nella sua versione tradizionale permette ai negozianti con prodotti alimentari in prossimità della scadenza di informare i clienti nelle vicinanze della possibilità di acquistare tali prodotti a prezzi scontati, spesso del 50% o 60%.

Ma negli ultimi mesi, in un momento complicato per le svariate misure contenitive che hanno complicato la vita a imprese e cittadini, la società Up Day ha sviluppato, insieme con le digital agencies Archibuzz e Synesthesia, una nuova funzione che offre un servizio aggiuntivo agli esercenti e ai cittadini, a cui viene chiesto sempre più di non allontanarsi da casa.

Con la nuova feature i negozianti possono comunicare con i cittadini di zona attraverso un sistema di notifiche push live, con cui fornire informazioni circa l’attività specifica del negozio, i suoi orari, i nuovi arrivi di prodotti ma soprattutto sui servizi aggiuntivi offerti, come la possibilità di avere la spesa pronta e imbustata o consegnata a domicilio.

Un sistema a tripla vincita

Come dice Marc Buisson, Presidente e Amministratore Delegato di Up Day, l’app anti-spreco Last Minute Sotto Casa “da sempre rappresenta una soluzione WinWinWin per tutti gli attori coinvolti”:

  • il negoziante, perché può mettere in vendita alimenti freschi in prossimità della scadenza o cibo in eccedenza che rischia di rimanere invenduto, inviando offerte scontate per evitare sprechi alimentari che gli permettono di recuperare il capitale investito e aprire il negozio a nuova clientela da fidelizzare.
  • Il cliente, che riceve le offerte di cibo in eccedenza ancora fresco dai negozianti di zona tramite una notifica sulla app, perché può risparmiare sulla spesa e contribuire a evitare gli sprechi con un acquisto intelligente ed ecologico.
  • Il pianeta, terzo elemento vincente di questo processo, che “ringrazia perché la community di Last Minute Sotto Casa evita di produrre rifiuti inutili e aiuta a ridurre gli sprechi alimentari che in Italia ammontano a 1,9 miliardi di euro soltanto nel comparto distributivo”.

Per offrire un servizio adeguato al contesto attuale – e per continuare a essere attenti alle iniziative di carattere sociale – Up Day ha “pensato a come poter dare il nostro contributo, ragionando sulla crescente importanza dei negozi di vicinato per le famiglie, così da non allontanarsi troppo da casa e, allo stesso tempo, sull’aiuto concreto che possiamo dare agli esercenti per farsi conoscere il più possibile”, ha spiegato Buisson.

I vantaggi per i negozianti e i consumatori

Approfondendo come funziona l’app, risulta evidente il vantaggio per i consumatori, che grazie alle notifiche ricevute sul proprio smartphone possono scovare occasioni vicine di negozi in cui fare la spesa in maniera conveniente ed ecologica. Oltre al mero aspetto finanziario e al risparmio economico, inoltre, inserirsi in questo processo può anche dare soddisfazione dal punto di vista sociale, perché ci si sente parte di un circuito virtuoso che evita di sprecare cibo.

Rispetto ad altre app simili – e soprattutto a Too Good To Go, che forse è la più nota – LMSC si configura come soluzione più comoda e pratica perché il cliente sa (e anche in anticipo) quali prodotti sono disponibili per la vendita e quindi può fare le opportune valutazioni sull’acquisto.

Dal punto di vista del negoziante, poi, i benefici sono addirittura superiori. In primis, è evidente il vantaggio di poter eliminare l’invenduto, comunicando in tempo reale ai potenziali clienti la presenza in negozio di prodotti con scadenza a breve termine o di alimenti che rischiano di restare invenduti, proposti a prezzi vantaggiosi. Grazie all’app di Last Minute Sotto Casa è possibile informare contemporaneamente migliaia di cittadini nei dintorni ed entrare in contatto con loro attraverso una notifica con le offerte del momento.

Il sistema di contatto di prossimità serve inoltre a farsi conoscere nel quartiere o area locale in cui insiste l’attività, raggiungendo migliaia di potenziali clienti iscritti alla community anti spreco che si trovano proprio intorno al negozio e che possono essere incentivati a frequentarlo anche a prescindere dalle offerte.

L’applicazione LMSC si qualifica così come un potente megafono digitale, ma anche come simbolo di una filosofia green del negozio – che comunica in questo modo agli utenti che è impegnato attivamente per evitare di produrre rifiuti inutilmente e per ridurre gli sprechi alimentari, incontrando il favore di chi è parimenti impegnato in questa battaglia.