Olio extra vergine: un alimento dalle molteplici proprietà che amiamo tutti

L’olio extra vergine d’oliva ha ottenuto ormai da anni l'”etichetta” di alimento medicinale. Non viene infatti più considerato solo un ingrediente salutare, ma un prodotto in grado di rivelarsi particolarmente efficace anche contro alcune malattie, dato scientificamente riconosciuto. E’ stata infatti l’FDA o Food and Drug Administration statunitense, la prima a sottolineare l’importanza di questo autentico pilastro della Dieta Mediterranea anche nella cura della persona. Secondo le ricerche scientifiche intraprese fino ad oggi, l’olio evo risulterebbe indicato nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, del diabete di tipo 2 e della demenza senile: tra i suoi principali benefici comparirebbe anche la riduzione del rischio di tumore al seno, oltre a molteplici proprietà nutrigenomiche e antinfiammatorie, complice la presenza dell’acido oleico. Insomma, un vero e proprio concentrato di benessere, immancabile sulle nostre tavole, sia per il suo caratteristico gusto che arricchisce ogni pietanza, sia per l’aspetto medico e curativo ormai consolidato.

Olio extra vergine di oliva valori nutrizionali e proprietà

L’olio extravergine di oliva viene da sempre considerato tra gli alimenti di punta che caratterizzano la Dieta Mediterranea. Sono infatti molteplici le proprietà curative e benefiche ad esso attribuite che possono essere facilmente sfruttate sia attraverso l’alimentazione che mediante l’uso esterno. Se di fatto è riconosciuto come un prodotto naturale d’eccellenza in grado di differenziarsi per qualità dai comuni olio di oliva o di sansa, l’olio evo si contraddistingue per una serie di peculiarità utili ad esempio a supportare l’organismo nel contrastare il colesterolo cosiddetto “cattivo” o LDL garantendo inoltre un ottimale stato di salute anche dell’apparato scheletrico. Stando a quanto affermato non solo dall’FDA ma anche dai ricercatori del Campus Bio-Medico situato a Roma e del Karolinska Institute di Stoccolma, il suo consumo caratterizzarebbe un valido supporto nel contrasto di patologie tumorali in particolar modo al colon e al seno. Ma quali sono le principali caratteristiche organolettiche che rendono l’olio extra vergine di oliva così prezioso?

Olio extra vergine di oliva calorie

Le calorie attribuite all’olio extravergine d’oliva sono 899 Kcal per ogni 100 grammi di prodotto. Tale alimento però è inoltre costituito da molteplici macronutrienti preziosi per l’organismo, e in grado di preservarne la salute allo stato ottimale: gli acidi grassi monoinsaturi rappresentano la parte predominante del prodotto con 72,95 grammi ogni 100 mentre di poco superiore ai 14 grammi, la quantità di grassi saturi. Gli acidi grassi polinsaturi sono invece solo 7,52 grammi su 100 mentre la piccola parte non coperta dai lipidi , viene integrata dalle vitamine A, D, E e K, fitosteroli e polifenoli idrosolubili.

Benefici dell’olio extravergine d’oliva

Consumare regolarmente olio extra vergine di oliva apporta all’organismo molteplici benifici dati dalla presenza di preziose sostanze in grado di preservarlo  da patologie e disturbi anche piuttosto gravi. I polifenoli ad esempio oltre a mantenere bassi i livelli di colesterolo nel sangue, favoriscono il correttostato di salute dei vasi sanguigni riducendo sensibilmente il rischio di patologie cardiovascolari. Essi inoltre contribuiscono a preservare le naturali funzionalità neuro-vegetative arginando l’avanzamento di malattie neurologiche e degenerative quali ad esempio l’Alzheimer. Grazie alla presenza di osteocalcina, l’apparato muscolo-scheletrico si mantiene vitale ed efficente, migliora la resistenza ai traumi e risulta ridotto anche l’avanzamento dell’osteoporosi qualora tale patologia sia a tutti gli effetti già in corso. Tra i benefici più significativi dati dal consumo di olio extravergine d’oliva vi sono però quelli associati alla lotta ai tumori. La massiccia presenza di acido oleico, elemento principe che costituisce tale alimento, risulterebbe particolarmente utile nel prevenire le forme tumorali che colpiscono seno e colon.

Tuttavia l’olio evo risulta particolarmente indicato anche sotto l’aspetto estetico, specie se impiegato ad uso esterno: rappresenta infatti un efficace alleato nella protezione della pelle complici le spiccate proprietà emollienti, utile anche contro l’invecchiamento precoce. Sono proprio gli stessi polifenoli a garantire una riduzione della formazione di radicali liberi e a mantenere elastica la pelle, anche se colpita da ustioni, piccole scotatture e cicatrici. In ultimo, ma non certo in ordine di importanza, l’alimento principe delle tavole italiane svela efficaci proprietà volte alla riduzione dei rischi legati al diabete di tipo 2, come confermato già nel 2015, anche dai ricercatori dell’Università La Sapienza di Roma che hanno riscontrato, da un utilizzo quotidiano, una riduzione significativa dei livelli di glicemia nel sangue, e un incremendo dell’insulinemia in soggetti sani. Insomma, una miniera di benefici per tutte le età che si rivela indicata anche nell’alimentazione dei lattanti dove agisce rinforzando ed incrementando le difese immunitarie.

Differenza tra olio di oliva e extravergine

Per quali caratteristiche si differenzia l’olio extra vergine di oliva da un comune olio di oliva convenzionale? L’olio extravergine di oliva presenta peculiarità ben definite quali colore, odore, consistenza e acidità. Esso si ottiene solo ed esclusivamente mediante processi meccanici a freddo,  dal lavaggio alla spremitura, fino eventualmente alla filtrazione. L’olio di oliva comune invece risulta meno pregiato poichè vede l’impiego di agenti chimici che possono ridurne sensibilmente non solo la qualità ma anche le caratteristiche organolettiche. Per questo motivo è sempre opportuno analizzare l’etichetta del prodotto accertandosi della provenienza e di quelli che ne sono stati i processi di lavorazione.