Come preparare un lunch box

Molto spesso mangiare fuori casa è una vera e propria esigenza. Che sia per studio o per lavoro, il tempo a disposizione per la pausa pranzo è davvero molto poco e prendere in considerazione l’idea di tornare “un attimo” a casa è assolutamente da scartare. Andare tutti i giorni al ristorante è praticamente impossibile: si perde tantissimo tempo, finiamo per ordinare sempre le stesse cose (preparate inoltre in modo decisamente meno salutare di come potremmo fare noi stessi) e non è affatto sostenibile economicamente parlando.

Ma allora come fare?

Si chiama lunch box e ci salva la pausa pranzo!

In passato il lunch box era un semplice e triste (diciamolo!) portavivande in metallo, oggi per fortuna è tutto un po’ diverso perché portarsi il pranzo direttamente da casa è diventata una vera e propria arte. Ampia scelta quindi per i nuovi contenitori che sono principalmente in plastica, quindi anche più leggeri e pratici. Ad una tinta o super colorati, l’importante è che abbiano una buona chiusura ermetica che eviti la fuoriuscita del condimento dei pasti che andranno inseriti al suo interno.

Come preparare un lunch box

Prima di tutto per poter preparare un lunch box che si rispetti sarà opportuno essere (o diventare) un po’ organizzati, stabilendo in anticipo cosa cucinare. E’ possibile mettersi quindi ai fornelli la sera prima per il pasto del giorno dopo oppure stabilire delle giornate ben precise in cui preparare un quantitativo maggiore di cibo che possa essere lasciato in frigorifero per qualche giorno. Prediligete preparazioni pratiche e cibi leggeri che non vi facciano abbassare la palpebra dopo averli consumati perché in quel caso neppure un caffè vi aiuterà!

Ecco quali sono i cibi da prediligere per un perfetto lunch box:

Insalata di riso: condita nel modo più classico oppure preparata con delle ottime verdure cotte al vapore o ancora nella variante marinara con seppioline e gamberetti.

Couscous: cotto in bianco ed accompagnato con straccetti di pollo arrostito oppure verdure di stagione in padella.

Farro: magari con asparagi e carote. Una preparazione leggera e molto salutare.

Frittata: da preparare con i pomodorini oppure le patate. Buonissime anche quelle di verdure.

Verdure: semplicemente grigliate oppure riempite di carne (in questo caso non esagerate con le dosi però!).

Trancio di pizza: meglio se preparata in casa ma anche quella avanzata a cena andrà sicuramente bene.

Carne: cotta in modo semplice in piccoli straccetti oppure in padella in puro stile orientale.

Polpettine: di carne, di pesce, di legumi o di cereali, pratiche e super golose.

Uova: unicamente sode, da poter inserire in una gustosa insalatona con mozzarella, pomodorini, olive verdi, radicchio, carote e mais.

Spiedini: di prosciutto crudo e frutta. Melone, kiwi, ananas o tutto ciò che preferiamo. Un modo pratico per non farsi mancare una porzione di frutta.

lunch-box

Una volta organizzato nel pratico il vostro pranzo non vi resterà che posizionarlo all’interno del lunch box: sceglietene uno abbastanza capiente che vi permetterà di suddividere i cibi e posizionare al meglio anche i condimenti.

Se il lunch box che avete preparato è per una persona a voi cara perché non organizzare anche una sorpresa? Un piccolo bigliettino, chiuso in una bustina per alimenti, da poter trovare al momento della pausa pranzo delle volte può cambiare l’umore della giornata 😉