Ristoranti a Napoli dove mangiare all’aperto e godersi il panorama mozzafiato

Il caldo comincia a farsi sentire e, complice la chiusura forzata a causa del lockdown, torna la voglia di trascorrere qualche ora spensierata fuori casa e magari approfittare per una cena speciale all’aria aperta e in tutta sicurezza, in pieno rispetto delle nuove norme igienico-sanitarie a cui si devono attenere i locali pubblici.

Ristoranti Napoli per mangiare all’aperto

E mentre si studiano ancora soluzioni per consentire una più ampia riapertura dei ristoranti – come ad esempio la concessione gratuita di spazi esterni ai locali dove poter sistemare i tavoli, soluzione adatta a chi ha ambienti ristretti dove è impossibile garantire il corretto distanziamento – potrebbe essere utile conoscere quali sono i ristoranti a Napoli che godono di uno spazio esterno dove poter mangiare bene e magari approfittare di una bella vista panoramica.

Palazzo Petrucci, via Posillipo 16

Ha riaperto ufficialmente il 29 maggio Palazzo Petrucci nella nuova location accanto allo storico Palazzo Donn’Anna di Posillipo (dopo aver riattivato già i vecchi locali, come dicevamo in un altro articolo): la brigata guidata dallo chef Lino Scarallo, forte della stella Michelin, è pronta quindi a riabbracciare (virtualmente) la clientela che vuole gustare una cena speciale con l’opportunità di ammirare il suggestivo scenario del Golfo di Napoli, con il Vesuvio che si staglia proprio di fronte ai tavoli, quasi a portata di mano.

Trattoria da Cicciotto, Calata Ponticello a Marechiaro 32

Sempre nel quartiere di Posillipo c’è un altro nome storico della ristorazione partenopea: da Cicciotto a Marechiaro, una delle trattorie più famose della città. Il panorama è spettacolare e si può cenare a pochissima distanza dal mare, lasciando andare lo sguardo su tutto il golfo napoletano. Oltre a conquistare la vista, Cicciotto sa soddisfare anche i palati dei suoi clienti con piatti tradizionali a base di pesce, dalle crudités a portate come frutti di mare, i carpacci di polpo e linguine ai granchi, fino a una carta di dolci davvero golosi.

Ristorante Reginella, via Posillipo 45/a

Siamo ancora nella zona collinare a picco sul mare per un altro ristorante napoletano all’aperto: da Reginella si può ammirare il Vesuvio che troneggia nella sua maestosità su tutto il Golfo, visibile in pratica da ogni tavolo delle terrazze del locale, suddiviso su più livelli e caratterizzato da sale specificamente battezzate. Quella all’aperto chiama Le Sciantose, in onore delle cantanti del café-chantant e del varietà napoletano di inizio Novecento: qui si possono gustare piatti tipici partenopei oppure classica pizza napoletana.

Ristorante Rosiello, via Santo Strato 10

L’ultimo nome da segnare nel quartiere posillipino si trova praticamente a metà strada tra Marechiaro e Mergellina, ovvero il celeberrimo lungomare partenopeo. Rosiello è un ristorante di cucina tradizionale, di impronta fortemente familiare, che serve in tavola piatti come paccheri al ragù o spaghetti con le cozze, senza dimenticare gli insegnamenti della capostipite Gelsomina Rosiello, che aprì il locale nel 1933 proponendo proprio pietanze come ragù e minestre maritate.

Terrazza Calabritto, piazza Vittoria 1

E proprio nella zona di Mergellina sorge la Terrazza Calabritto, uno spazio coperto (ma con ampie finestre sempre aperte d’estate) che comunque offre l’opportunità di cenare in uno dei posti più caratteristici di Napoli, la piazza Vittoria che affaccia direttamente sul lungomare e sulla Villa Comunale. Il menu è ovviamente fortemente caratterizzato da piatti a base di pesce, e spiccano per qualità e originalità i crudi.

Ristorante Zi’ Teresa, via Marinaro 1

Restiamo a livello del mare con il Ristorante Zi’ Teresa, altro nome storico tra i ristoranti di Napoli, nelle immediate vicinanze del Castel dell’Ovo e del Borgo Marinari. Dall’alto dei suoi 130 anni di attività (questa sede è stata infatti inaugurata nel 1890), il locale è frequentato dai cittadini e anche da tanti stranieri, che apprezzano l’opportunità di mangiare bene (piatti di pesce, soprattutto, ma anche pizza) e di poter trascorrere qualche ora circondati dal mare e dalle barche.

Rosolino e Rosolino Corner, Via Nazario Sauro

Famiglia è la parola chiave del Ristorante Rosolino, che ha raddoppiato in via Nazario Sauro con un Corner più informale rispetto al classico locale. La famiglia Rosolino (cui appartiene anche l’ex nuotatore olimpionico Massimiliano) ha una lunga tradizione nella gastronomia, che trova applicazione in tutte le preparazioni offerte, con il plus dato dalla splendida vista sul golfo di Napoli.

In particolare, il Rosolino Corner viene descritto come “una finestra sul mare e sul gusto” in cui assaporare piatti della tradizione rielaborati in maniera creativa e originale.

Renzo e Lucia, via Tito Angelini 31

Ci spostiamo dal mare e saliamo sulla collina del Vomero per il penultimo ristorante consigliato per mangiare all’aperto a Napoli: Renzo e Lucia sorge quasi ai piedi di Castel Sant’Elmo, altro punto strategico per la splendida vista sul golfo. Il menu è fatto di piatti tipici della cucina partenopea e la struttura lavora soprattutto con i banchetti.

Calasole, Discesa Coroglio 39

Per il nostro ultimo ristorante risaliamo verso Posillipo, ma cambiamo punto di osservazione: il Calasole infatti si trova dall’altra parte rispetto ai locali prima menzionati, nel punto in cui il sole tramonta (come suggerisce il nome) e crea dei suggestivi effetti per le cene serali. Anche il panorama è diverso: anziché ammirare il classico scorcio del Vesuvio e del Golfo di Napoli, da questo lato è possibile scoprire il Golfo di Pozzuoli, l’isolotto di Nisida e il Monte di Procida, che non sfigurano nel confronto.

Il menu si compone di specialità napoletane e siciliane, con predominanza netta di piatti a base di pesce tutti da gustare.