Cocktail estivi: i più amati ed i più desiderati del 2021

Quali sono le nuove tendenze della mixology per questa estate? E quindi, quali saranno i nuovi cocktail estivi che accompagneranno i momenti di relax in città o nei luoghi di vacanza? Proviamo a scoprire dove ci sta portando questo settore in forte espansione e quali sono le ricette più interessanti, da imparare a preparare anche a casa.

I cocktail estivi di tendenza nel 2021

La mixologia – la scienza di preparare e servire i cocktail, volendo provare a dare una definizione molto semplicistica – è un’arte in continua evoluzione e difficilmente ciò che è di tendenza in una stagione torna riproposto in quella successiva.

E così, dopo un’estate 2019 caratterizzata dalla sperimentazione, anche estrema come nel caso dei cocktail salini o del boom dei drink con acqua marina, e un 2020 che invece è stato caratterizzato maggiormente da un “ritorno al passato” – e quindi un retrogusto vintage e ricco di deja-vù – il 2021 si propone con tre grandi fattori di ispirazione.

Nello specifico, la miscelazione 2021 si muove lungo queste tre linee guida:

  • Canned Cocktails, ovvero drink già pronti e conservati in lattina, che sono la “risposta” ai mesi di stress e distanziamento sociale in quanto soluzione pratica e facilissima da consumare.
  • Low Alcohol Cocktails, long drink e miscele a basso contenuto alcolico, che si possono inerire senza troppi problemi in un’alimentazione sana ed equilibrata, magari con un occhio alla sostenibilità.
  • Tropical Cocktails, le classiche bevande dal sapore estivo, di aspetto molto colorato, perfette per ritrovare un senso di spensieratezza e voglia di ritorno alla normalità.

I migliori long drink e le ricette per farli a casa

Partiamo dai migliori long drink da provare in questa estate: freschi e beverini, questi cocktail si caratterizzano per un basso tenore alcolico e per un servizio on the rocks (vale a dire con il ghiaccio all’interno del bicchiere).

L’ingrediente alcolico di base varia a seconda dei gusti e la gestione della fusione è affidata ai mixer, ovvero acque toniche e soft drink che, grazie alle loro bollicine, rendono queste bevande perfette da essere sorseggiate all’ora dell’aperitivo.

Le combinazioni sono praticamente infinite: gusti mediterranei, sapori più speziati e aromatici, ma anche grandi classici per i tradizionalisti, tutti possono trovare il proprio cocktail ideale e imparare a prepararlo anche a casa con poche (e spesso semplici) accortezze e strumenti.

Alcuni esempi? La Piña Colada è forse il long drink estivo più famoso del mondo, a base di rum chiaro, latte di cocco e succo d’ananas, così come tutti conoscono la Tequila Sunrise (tequila con succo d’arancia e sciroppo di granatina), il Sex on the beach (vodka, liquore alla pesca, succo d’arancia e succo di ribes), il Moscow Mule (vodka, ginger ale e succo di limone) e lo Screwdriver (vodka e succo d’arancia).

Il Mojito e le sue reinterpretazioni

Negli ultimi anni, però, c’è un cocktail estivo che ha dominato le scene e conquistato sempre più favori, ovvero il Mojito: dissetante e rinfrescante, si tratta di una bevanda nata a Cuba, patria del Rum, dove ancora oggi si prepara con ritualità quasi sacra, soprattutto ne “La Bodeguita del Medio”, storico locale di L’Avana reso celebre da Ernst Hemingway.

Di fondo, il mojito si prepara semplicemente unendo una base di rum con la freschezza delle foglie di menta e del lime, con aggiunta di acqua gassata e zucchero bianco; se questa è la ricetta tradizionale, in questi ultimi tempi abbiamo assistito alla nascita di tantissime varianti, tutte perfette per l’estate.

E quindi, tra i cocktail estivi del 2021 possiamo includere senza ombra di dubbio anche il mojito analcolico (sostituendo il rum con succo di limone o bevanda gassata al limone, oppure con gassosa), ma anche il mexican mojito (con tequila al posto del rum e hierbabuene al posto della menta), il Mojitaly (usando Branca Menta e succo di Mapo) e il mojito al cocco (sostituendo il lime con dello sciroppo di cocco e guarnendo con cubetti di frutto fresco).

Un tocco di colore per i cocktail più instagrammabili

Inutile negarlo: nell’epoca dei social tutto ciò che consumiamo può divenire oggetto di condivisione e la cura dei dettagli della composizione assume una rilevanza pari, se non superiore, a quella dedicata agli ingredienti.

Per questi motivi, sono sempre trendy i cocktail che assicurano un perfetto effetto wow e fanno il pieno di “mi piace” su Instagram et similia, grazie a colori sorprendenti e mix che catturano lo sguardo.

Ne sono esempi il Frosé, un Frozen Rosé fatto con Prosecco e frutta congelata e poi frullata – ad esempio, fragole e anguria, per un abbinamento cromatico perfetto; il Watermelon Jalapeño Martini, che mescola la dolcezza (e la tinta delicata) dell’anguria con Martini e il tipico peperoncino messicano Jalapeño (e attenzione a non sbagliare le dosi per evitare un gusto troppo piccante e sbilanciato); il Cosmopolitan, che fa sempre pensare a Sex and the city, e i tre cocktail inventati da Giuseppe Cipriani all’Harry’s bar di Venezia, ovvero Mimosa, Bellini e Rossini.

I cocktail estivi analcolici da provare

Come detto, poi, una tendenza ancora più evidente in questi ultimi anni è quella delle miscelazioni analcoliche, che trovano il gradimento di un pubblico crescente.

Una delle proposte più evergreen è sicuramente il cocktail tropical, un semplice long drink che mette insieme latte, latte di mandorla e sciroppo di menta (ma c’è anche una variante alcolica con rum); chi al colore verde preferisce il rosso di fragole e lamponi può preparare questo veloce cocktail analcolico alle fragole, da servire magari in bicchieri originali come vasetti di yogurt in vetro o piccoli boccali di birra.

Sempre a tema frutta, chiudiamo con il Virgin Colada, una ricetta decisamente tropicale che unisce latte di cocco, ananas e lime e che rappresenta un perfetto cocktail estivo.