Capodanno Cinese: tra storia e tradizioni culinarie

Lo chiamiamo per semplicità Capodanno Cinese, ma più correttamente dovremmo dire Festa di primavera o capodanno lunare: ad ogni modo, è la giornata che celebra l’inizio del nuovo anno secondo il calendario cinese ed è una delle principali festività tradizionali di questo Paese. Per propiziare un anno sereno e proficuo, i cinesi preparano alcune ricette tradizionali portafortuna che possiamo ripetere anche nelle nostre cucine: ecco quindi una panoramica su questa occasione e sui piatti con cui celebrarla.

Che cos’è il capodanno cinese

La festa di primavera rappresenta dunque il capodanno cinese, ovvero il primo giorno del nuovo anno: nella tradizione del Paese asiatico, il calendario è determinato dalle fasi lunari e, per la precisione, il Capodanno coincide con la seconda luna nuova dopo il solstizio di inverno; in pratica, quindi, la data cambia ogni anno secondo il calendario gregoriano, e in particolare può capitare nel mese compreso tra il 21 gennaio e il 19 febbraio.

Per il 2022, il Capodanno cinese cade il 1 febbraio: l’anno nuovo terminerà il 21 gennaio 2023 e sarà sotto il segno della Tigre, terzo segno dello zodiaco cinese e simbolo di coraggio, passione e sicurezza di sé, e secondo gli esperti sarà un anno dedicato ai grandi cambiamenti (anche a patto di prendere rischi) e alle avventure.

Il Capodanno cinese è la festa più importante per i cinesi, che celebrano l’evento con ben due settimane di pausa dalle attività per consentire a tutti di ricongiungersi ai parenti, ed è molto sentita e celebrata anche in molti altre zone dell’Estremo Oriente, come Corea, Mongolia, Singapore, Malesia, Nepal, Bhutan, Vietnam e Giappone.

capodanno cinese chinatown

Come si celebra il Capodanno cinese: le tradizioni e i riti

Questa ricorrenza ha una dimensione pubblica e una familiare: le classiche preparazioni domestiche, infatti, puntellano le tante iniziative pubbliche come mostre, feste e danze rituali per le strade, come la danza del leone o la danza del dragone, i momenti più iconici rappresentati anche da tantissime scene in film e prodotti multimediali.

In questo periodo le città e i paesini di tutta la Cina si tingono di rosso, colore portafortuna per eccellenza, e rosse sono anche le buste (Hongbao, con all’interno denaro, petardi, vestiti nuovi e decorazioni) che da tradizione si donano a bambini e anziani. Inoltre, le persone si recano in preghiera ai templi per ottenere benedizioni per il nuovo anno , puliscono casa (per allontanare l’anno passato e fare spazio alla fortuna per i mesi successivi) e decorano l’abitazione appendendo tra l’altro delle targhette di legno incise con immagini di divinità a scopo protettivo.

Come in tanti Paesi del mondo (Italia su tutti), il passaggio da un anno all’altro si celebra anche in Cina con il tradizionale scoppio di petardi durante il giorno, che dopo il tramonto cedono il passo ai tradizionali e spettacolari giochi pirotecnici con fuori d’artificio, che disegnano svariate forme nel cielo notturno.

I festeggiamenti per il Capodanno cinese terminano con la Festa delle Lanterne, che si svolge nel quindicesimo giorno dopo l’inizio del nuovo anno e prende il nome dalla tradizionale accensione di lanterne di colore rosso posizionate lungo le strade, nelle case e nei negozi, che sono un segno di buon augurio per un futuro luminoso.

Cibo Capodanno cinese: cosa si cucina?

Oltre a quelle descritte, al Capodanno cinese sono associate anche molte tradizioni private, che si legano in particolare al cibo da servire ad amici e parenti come forma di buon augurio per il prosieguo dell’anno.

Le rituali usanze in cucina in occasione del cenone della vigilia del nuovo anno prevedono di riunirsi intorno a una tavola rotonda e di servire 12 portate, che simboleggiano i mesi e gli animali che caratterizzano l’astrologia cinese, mentre il menu può variare a seconda della zona. In particolare, alcuni alimenti sono considerati dei simboli di fortuna e abbondanza e, per questo, non possono mai mancare piatti a base di pesce, involtini primavera, jiǎozi e due specialità chiamate Nian Gao e Tan Gyuan, che sono rispettivamente la “torta dell’anno nuovo” e palline dolci, entrambe a base di riso glutinoso.

lanterne cinese

Le ricette tipiche del Capodanno cinese

Questi piatti sono considerati porta-fortuna quindi perché hanno un significato simbolico legato alla forma o al loro nome, e sono importanti per l’auspicio anche la preparazione e il modo in cui servirli – iniziando sempre dalla persona più anziana a tavola e passando poi ai più giovani.

Per entrare nel dettaglio dei cibi tipici del Capodanno cinese, il pesce porta fortuna e speranza perché in cinese la parola per questo alimento somiglia a quella di “surplus, abbondanza”; la forma tonda degli agrumi rimanda a un’idea di pienezza, abbondanza e prosperità (ed è abitudine servire 8 mandarini perché l’otto è il numero più fortunato secondo i cinesi); i Tan Gyuan rappresentano l’unità della famiglia, il Nian Gao serve ad assicurarsi un miglioramento della condizione lavorativa, gli spaghetti lamian (da cui derivano i ramen) simboleggiano la longevità, gli jiaozi procureranno denaro mentre gli involtini primavera sono proprio tipici di questi giorni e del Capodanno Cinese (che, come abbiamo detto, è in realtà la Festa della Primavera).