Picnic perfetto: come organizzarlo in poche, facili mosse

Quando arrivano le belle giornate e le temperature sono più alte non c’è niente di meglio che organizzare un picnic.

In primavera o in estate, in un giorno festivo o nel fine settimana, è sempre il momento giusto per trascorrere delle ore spensierate con famigli ed amici all’aria aperta.

Ma in che modo si organizza un picnic perfetto?

 

Dove andare

La prima cosa da fare è innanzitutto scegliere il luogo.

I picnic generalmente vengono fatti nei boschi, nei parchi e nei giardini comunali oppure in spiaggia. In molti di questi posti ci sono proprio delle aree attrezzate, in cui trovare tavoli e panchine e, se siete fortunati, anche la zona barbecue. Seppur più scomodo, il vero picnic che si rispetti resta però quello in cui ci si siede direttamente sul prato!

Che scegliate la tradizione o la comodità non importa, ciò che conta è essere certi che nel luogo in cui vi state dirigendo sia concesso fare un picnic.

Cosa portare

Qualsiasi luogo abbiate scelto per il vostro picnic le cose da portare saranno praticamente le stesse. Unica eccezione per l’ombrellone che non dovrà mai mancare se andate in spiaggia, per i boschi, parchi e giardini invece non ne avrete bisogno perché ci sarà l’ombra naturale degli alberi.

Spiegata questa piccolissima differenza, scopriamo assieme di cosa avrete più bisogno per il vostro picnic.

– Coperta: per potersi sedere e disporre cibo e stoviglie sul prato serve una coperta. Meglio ancora se si possiede quella specifica per il picnic che ha un lato plastificato da mettere sul prato per proteggerci dall’umidità del terreno. Dovendola acquistare sceglietene una a quadrettoni, è la fantasia tipica delle scampagnate!

– Cestino in Vimini: per contenere cibo e stoviglie serve il cestino in vimini. Lo si acquista già completo di piatti, bicchiere e posate, sistemate in maniera perfetta in scomparti che evitano la rottura. Ovviamente se non lo possedete e non siete intenzionati a comprarlo potete sempre optare per un comodo e spazioso borsone.

Piatti, Bicchieri e Posate: se volete portare con voi piatti, bicchieri e posate leggeri e che non si rompano allora optate per quelli in plastica. Non parliamo della plastica usa e getta che è dannosa per l’ambiente e che essedo leggera volerebbe un po’ ovunque (giammai!) ma di quella da riutilizzare all’infinito, quella più spessa e colorata che donerà un tocco di allegria alla vostra tavola… ehm, coperta!

– Tovaglioli: per pulire la bocca e le mani non dimenticate i tovaglioli ma scegliete quelli di stoffa. Sono molto più eleganti, non sarete costretti a doverli bloccare sotto qualcosa di pesante ed essendo belli grandi svolgono al meglio il loro compito.

Apribottiglie: ben pochi se lo ricordano eppure è una delle cose essenziali per un picnic, è l’apribottiglie.

– Borsa Termica: se si parla di apribottiglie si parla anche di bottiglie, se si parla di bottiglie si parla anche di bevande da mettere in fresco.

– Protezione Solare, Anti-zanzare e Dopo Punture: per non prendere una scottatura solare e non farsi mordere dagli insetti non dimenticate la protezione solare e l’anti-zanzare. Aggiungete anche una lozione per gli eventuali morsi d’insetto, non si può mai sapere.

– Buste per Immondizia: è l’ultima cosa che scriviamo nell’elenco ma non per questo è la meno importante. Le buste per poter differenziare e smaltire l’immondizia sono la cosa più importante per lasciare pulito il luogo in cui siete stati soltanto ospiti.

Quale cibo preparare

Veniamo dunque al cibo.

Quando si fa un picnic si sceglie di preparare, quasi in automatico, delle ricette pratiche soprattutto per il trasporto. Via libera quindi a primi piatti freddi, frittate sfiziose, gustose torte salate, contorni vari e magari anche il dolce (meglio se semplice, senza panna e crema). Se preferite aggiungete anche un po’ di salumi e formaggi, immancabili se si apre una bella bottiglia di vino.

Così come il vino, mettete nella borsa termica anche succhi di frutta e tanta acqua, indispensabile durante una lunga giornata all’aperto.

Ora che avete scoperto come organizzare in poche e facili mosse un picnic, non vi resta che dare uno sguardo al meteo e scegliere il giorno più adatto.