Scuole chiuse e bambini a casa: come intrattenerli?

“Da domani scuole chiuse fino a metà marzo in tutta Italia”: questa la decisione assunta dal Governo il 4 marzo come misura di emergenza in contrasto alla diffusione del coronavirus. Il virus Covid-19 ci sta costringendo a cambiare abitudini e uno degli effetti più immediati riguarda la “gestione” dei bambini, che passeranno inevitabilmente più tempo in casa. Ecco quindi qualche consiglio sui pasti e sulle ricette che possiamo preparare in cucina con i bambini, per fare qualcosa di loro gradimento e per tenerli impegnati e distratti.

Scuole chiuse, come intrattenere i bambini

Come aggiunta alla chiusura delle scuole, infatti, in questa fase sono vietati (o comunque è fortemente sconsigliato) anche gli accessi ai luoghi di aggregazione, e quindi dobbiamo trovare qualche modo per intrattenere i nostri piccoli. Se una parte del tempo deve essere comunque dedicata ai compiti e alle letture che gli insegnati provvedono a fornire ai genitori, come evitare la noia o le ore spese davanti a smartphone, tv o console di videogame?

Cucinare insieme, l’idea per stare con i bambini

La cucina può essere una nostra alleata contro le scuole chiuse, perché ci offre l’occasione di trascorrere del tempo con i nostri bambini in maniera attiva e partecipata, preparando insieme dei piatti che poi saranno mangiati ancora più volentieri.

Fare una pizza insieme ai bambini

Preparare la pizza è la prima idea pratica che possiamo attuare: servono solo farina, lievito e acqua per realizzare un momento di gioco e apprendimento, perché i piccoli possono osservare e ripetere i movimenti di noi grandi. Inoltre, fare l’impasto non è neppure troppo “rischioso” dal punto di vista dell’impatto sullo sporco: volerà un po’ di farina, potrà cadere dell’acqua e qualche pezzo di impasto resterà sulle maglie, ma nulla di drammatico!

Se abbiamo un bel cappello da chef renderemo questa attività un vero e proprio svago completo, e magari possiamo chiedere al piccolo il gusto preferito da usare come condimento, facendogli creare una pizza personale al 100 per cento, da cuocere insieme a quella fatta dai grandi.

Un’attività formativa e divertente

Secondo molte scuole di pensiero, anche il famoso metodo Montessori, coinvolgere i piccoli sin dai 3 anni in questo tipo di attività è fondamentale per favorire l’apprendimento e lo sviluppo delle competenze manuali e sensoriali. Inoltre, in genere ai bambini piace mettere le mani in pasta e sentire una consistenza strana come quella dell’impasto, e la possibilità di sentirsi liberi di trattare gli ingredienti con le mani e di veder realizzata la propria creatività li distrarrà di sicuro dai fatti del mondo esterno.

Inoltre, e non in ultimo, fare la pizza insieme ci consente di trascorrere del tempo di qualità con i nostri bimbi, condividendo non solo lo spazio della cucina, ma anche l’obiettivo di “fare da mangiare” per tutta la famiglia.

Facciamo la pasta fresca!

Sempre in tema di pietanze salate, anche la pasta fresca può essere un’idea per coinvolgere in attività pratiche i nostri piccoli costretti a casa dalle scuole chiuse per l’allarme coronavirus. Possiamo ad esempio fare dei ravioli o degli gnocchi, dando loro libertà di “pasticciare” con le mani senza troppi rimproveri o preoccupazioni

Preparare torte insieme

Un’alternativa dolce è quella di preparare una torta col nostro bambino, così da fare una merenda sana e gustosa insieme. Rispetto alla pizza, qui le variabili di componenti sono maggiori così come è più alta la complessità dei procedimenti, ma ci sono tante tipologie di torte che sono davvero facili da fare e soprattutto adatte alla situazione, perché leggere, con ingredienti salutari e non calorici, facili ma soprattutto golose.

La più sfiziosa è probabilmente la rainbow cake, che conquista con i suoi colori accesi: possiamo coinvolgere i piccoli anche nella scelta delle tinte, nel mescolare i coloranti e nel dosare gli ingredienti, così da “responsabilizzarli” e farli sentire davvero protagonisti.

Variare i menu

Oltre alla questione del tempo da impiegare insieme, la chiusura delle scuole ci pone di fronte a un altro tipo di problematica, ovvero la gestione dei pasti dei nostri bambini (soprattutto se il pranzo, in genere, è affidato alla mensa scolastica). Dobbiamo cioè cercare di preparare qualche ricetta appetitosa e salutare, variando gli ingredienti e non trascurando le verdure – di solito ostiche per la maggior parte dei pargoli! –  ma soprattutto evitando una serie di errori che possono essere dietro l’angolo, come il consumo di troppe merendine o snack confezionati “per noia”.

Per raggiungere questo obiettivo, possiamo provare a “trasformare” le ricette per dar vita a preparazioni più curiose e golose: ad esempio, se il nostro piccolo non ama i piatti a base di pesce presentati in maniera classica, possiamo realizzare delle speciali polpette o dei burger, che sicuramente avranno un appeal differente!

Una cena originale e sfiziosa

Basta semplicemente cuocere regolarmente il pesce con un filo di olio in padella – vanno benissimo ad esempio sogliole, salmone o merluzzo – e poi pulire per bene il filetto prima di frullarlo (anche con altri ingredienti, come uova o patate bollite). A questo punto possiamo fare dei semplici burger o delle polpette con del pane raffermo imbevuto nel latte, aggiungendo una spolverata di pan grattato per creare l’effetto croccante.

Serviamo questo piatto con un contorno leggero (le classiche patatine fritte sono un abbinamento perfetto e di sicuro apprezzato) oppure prepariamo un vero e proprio hamburger, farcendo con la preparazione un panino o il pane bun, ed ecco una cena che conquisterà il palato dei nostri bambini.