Oltre un miliardo di Nutella biscuits venduti: l’Italia ne va matta e voi?

C’è chi li ama alla follia, chi li ha attesi per anni, chi non li sopporta e chi non li trova sufficientemente buoni o naturali: di sicuro, da maggio 2019 non sono passati inosservati, sia per una grande campagna promozionale che per il loro nome, che inevitabilmente non lascia indifferenti. Parliamo dei Nutella Biscuits, i biscotti alla Nutella che hanno appena fatto registrare un incredibile record di vendite, che avrà conseguenze positive anche sul piano industriale per l’Italia.

Record di vendite per i Nutella Biscuits

Oltre un miliardo di biscotti, contenuti in oltre 47 milioni di confezioni in tutta Italia: sono da capogiro i numeri del primo di vita commerciale in Italia dei biscotti alla Nutella, che hanno quasi raddoppiato le ottimistiche stime di vendita della stessa Ferrero, che aveva “sperato” di toccare quota 25 milioni di confezioni vendute entro l’anno dal lancio dei Nutella Biscuits.

Gli italiani invece sono letteralmente impazziti per i biscottini croccanti ripieni della crema spalmabile più famosa del mondo, contraddistinti da un cuoricino che racchiude il logo N di Nutella: grazie a questi dati, i Nutella Biscuits hanno sbaragliato la concorrenza e sono diventati ufficialmente il biscotto più venduto nel suo settore di mercato nel nostro Paese.

L’impatto dei biscotti alla Nutella sul mercato

Non è stato quindi un successo effimero né si è trattato solo di hype del momento: certo, le scene di panico e gli scaffali dei supermercati presi d’assalto dai fan alla ricerca dell’agognato prodotto restano indelebili, ma sono stati appunto momenti iniziali, e l’ansia da “introvabilità” non si è più ripresentata. Anzi, nel tempo i Nutella Biscuits sono diventati protagonisti fissi del carrello della spesa degli italiani, e stando alle parole di Angelo Massaro, general manager di Iri, hanno fatto bene a tutto il settore, nonostante i venti di crisi causati dalla pandemia.

“Il lancio di Nutella Biscuits sul mercato italiano è da considerarsi il più importante nella storia del largo consumo in Italia da quando abbiamo i dati”, ha spiegato Massaro, e in particolare “ha realizzato oltre 141 milioni di euro a sell out, con una quota di circa l’8,5% del mercato dei biscotti”.

Pertanto, considerato “che il mercato dei biscotti in Italia è cresciuto del 13%, o di 185 Milioni di euro in valore assoluto, è evidente come la crescita sia trainata per oltre il 75% da Nutella Biscuits”, conclude il manager.

Nuove opportunità produttive

Sempre restando in ambito finanziario ed economico, c’è anche un risvolto produttivo importante per il territorio nazionale, perché la Ferrero ha celebrato il traguardo del miliardo di biscotti venduti approvando un investimento da 80 milioni di euro lo stabilimento italiano di Balvano, nella provincia di Potenza, dove attualmente si realizzano i Nutella Biscuits.

Stando al progetto, questo consentirà di realizzare una nuova linea produttiva e, in pratica, di raddoppiare la capacità di produzione dei biscotti alla Nutella, con l’obiettivo ambizioso di soddisfare la domanda non solo sul mercato interno, ma anche in territori non ancora coperti.

L’investimento prevede anche un incremento del personale impegnato, e in totale le due linee di produzione dei biscotti richiederanno oltre 230 persone complessive al lavoro, generando quindi nuove assunzioni e maggiori investimenti in vista per il gruppo Ferrero.

Le sorprese non finiscono: arriva la confezione in tubo

La notizia più interessante per i golosi e per i nuovi aficionados di questo saporito biscotto è però un’altra, e arriva da una fonte ufficiale: il presidente e amministratore delegato di Ferrero Commerciale Italia, Alessandro d’Este, ha infatti annunciato che dal prossimo anno sarà lanciata in commercio una nuova confezione di Nutella Biscuits, in un formato tubo più pratico per “gustare il prodotto dove il consumatore preferisce”.

In aggiunta al packaging che abbiamo imparato a conoscere in questo anno, quindi, dal 2021 ci sarà anche la versione tubo di biscotti alla Nutella, che probabilmente ricalcherà la forma e le dimensioni di quelle dei competitor storici nel settore dei biscotti ripieni, come Ringo e Baiocchi.

Come sono i Nutella Biscuits

Ma qual è il segreto di questi biscotti e perché piacciono tanto, al punto da essere stati acquistati da più di 7 milioni di famiglie e diventare nel giro di pochi mesi “la referenza nel mercato dei biscotti più venduta in Italia”?

Di sicuro molto ha fatto il marketing, come abbiamo detto, sia con un lancio ben studiato che con varie mosse e strategie che hanno fatto crescere il “desiderio” negli acquirenti. Ci deve però essere anche altro, perché altrimenti il suo successo sarebbe stato parziale e non così profondo.

La ricetta dei Nutella Biscuits prevede una base di croccante biscotto di pasta frolla, fatta con farina di frumento e zucchero di canna, riempita da un cuore della crema spalmabile Ferrero e ricoperta da un altro piccolo coperchio di biscotto. La confezione attuale è una busta con chiusura salvafreschezza da 304 grammi, che contiene 22 pezzi, ciascuno del peso orientativo di 15 grammi, con 6 di sola Nutella, proposta a un prezzo consigliato di 3 euro (per la precisione, 2.99 euro).

Un successo studiato anche nei minimi particolari

È quindi, forse è proprio la Nutella a rendere unici, appetibili e appetitosi questi biscotti, e insieme a una frolla gradevole danno vita a un’esperienza di gusto certamente golosa, che soddisfa il palato.

Ma c’è anche di più, perché tutto il lavoro sui biscotti alla Nutella è studiato nei minimi dettagli e – solo per fare un esempio – nello stabilimento del piccolo paese potentino sono in funzione 18 sensori laser che riducono i margini di errore nel processo di accoppiamento, quello che fa combaciare perfettamente ogni coppetta di pasta frolla croccante (dal diametro di 4,5 centimetri) con il suo coperchio, così da trattenere il cuore morbido di Nutella.