In Villa con Stuffer: la mia esperienza meravigliosa con le amiche blogger

Per il terzo anno di fila, l’azienda Stuffer, nata a Bolzano all’inizio del Novecento, grazie al giovane Heinrich Stuffer che in sella alla sua bicicletta visitava i clienti della zona, proponendo una scelta di prodotti alimentari da commercializzare ed oggi leader nel settore degli yogurt e delle basi pronte, mi ha scelto come Brand Ambassador per il loro marchio.

Dopo gli eventi  In cucina con Stuffer degli scorsi anni, l’azienda ha deciso di inserire nel proprio calendario un nuovo format, pensato per valorizzare la cucina attraverso degli eventi di Food Storytelling.

L’evento In Villa con Stuffer si è tenuto i primi di Aprile sul lago di Garda in una belissima location, Villa Tempesta, un hotel stupendo a pochi passi da Riva del Garda. Lì ho trascorso tre giorni bellissimi insieme alle ragazze che sono entrate man mano a far parte di questo bellissimo progetto, assaggiando piatti gustosi, godendo di un panorama mozzafiato, facendo chiacchiere e risate e ovviamente cucinando!

Come madrina dell’evento, è toccato a me, il primo giorno, inaugurare la cucina, realizzando un rustico con la nuova pasta sfoglia al farro targata Stuffer, una base pronta leggera, friabile e ricca di gusto a cui ho dato la forma di una graziosa nastrina. Si tratta di una versione salata, farcita, facile e super rapida delle classiche nastrine per la colazione. Vi bastano 2 rotoli di pasta sfoglia (Stuffer ovviamente), e un po’ di ingredienti a scelta per la farcitura per portare in tavola un rustico carino da vedere e davvero delizioso!
Un antipasto perfetto per le feste di ogni periodo dell’anno: è Pasqua? Perfetto coi carciofi! Ma in estate potete usare melanzane e peperoni e in inverno broccoli e scamorza, ad esempio… Insomma, prendete un po’ di pasta sfoglia e scatenate la fantasia!

A seguire, tutte le foodblogger hanno realizzato delle loro ricette a 4 mani, tutte preparazioni gustose e innovative che hanno allietato anche i nostri palati nei momenti di pausa. Io, durante le due giornate in cucina ho guidato le nostre conversazioni toccando tanti temi che hanno contribuito a farci conoscere meglio l’un l’altra ed a confrontarci sulle tematiche che riguardano il mondo food ed il nostro modo di intendere questo lavoro. Sono state delle giornate molto intense e davvero ricche di spunti e di calore umano oltre che di buona cucina.

Le foodblogger presenti all’evento #invillaconStuffer sono state:

Ketty ( di Kettycucinooggi), Aurora (di Getbeready), Francesca (di Lericettedifrancesca), Laura (di Gingerellaladolce) Eleni (di Quintogusto), Ilaria (di Farinaezucchero), Floriana (I Capricci di Flo), Maria (Mabka senza Lattosio), Patrizia  (di Maison Lizia), Elisabetta (di ifeelbetta), Valeria  (di Honey And The City)

Le ricette proposte sono state le seguenti:

“Un antipasto tra Emilia e Sicilia” di Valeria Zagato e Floriana Fontana

Trota mediterranea in crosta” di Maria Borsa e Aurora Mottes

“Cestini di pasta brisèe con mousse alle erbe e gamberi” di Francesca Raffa e Ketty Bonomo

“Crostata con mele caramellate al vin santo del trentino con crema alla mandorla” di Patrizia Laquale e Elisabetta Pendola

“Ruffled yogurt pie” di Eleni Ampatzipoulou e Ilaria Ciccone

“Pera al moscato in crosta di sfoglia con crema allo zafferano” di Emanuela Bernardi e Laura Leo

 

Ma passiamo alla ricetta della mia nastrina salata che ho segnato con dosi e procedimento, cosi chè possiate realizzarla anche voi a casa.

Ingredienti:

2 rotoli di pasta sfoglia di farro Stuffer
250 gr di spicchi di carciofo
250 gr di ricotta
50 gr di parmigiano grattugiato
50 gr di pecorino grattugiato
1 uovo + 1 altro uovo per spennellare
sale
pepe
semi di sesamo
semi di papavero
semi di chia

Procedimento per preparare la nastrina salata

Pulite i carciofi e lasciateli immersi in acqua e succo di limone per almeno 15 minuti.
Scolateli, bolliteli in acqua salata e, una volta pronti, scolateli ancora, metteteli da parte e lasciateli raffreddare.
Nel frattempo, lavorate la ricotta con uovo, parmigiano, pecorino, sale e pepe, quindi aggiungete anche i carciofi e amalgamate delicatamente.
Stendete i 2 rotoli di sfoglia uno sull’altro e divideteli verticalmente in 3 strisce uguali.
Sollevate le 3 strisce di sfoglia superiori e mettete al centro dei 3 rettangoli rimasti la farcitura, lasciando i bordi liberi.
Chiudete con le altre 3 strisce messe da parte e sigillate bene i bordi con i rebbi di una forchetta.
Intrecciate i tre rettangoli tra loro, quindi sigillate le 2 estremità della treccia.
Spennellate con il secondo uovo leggermente sbattuto con un pizzico di sale, decorate con i semi (un tipo di seme per ogni rettangolo) e cuocete per circa 20/25 minuti a 180°C in forno ventilato già caldo.
Una volta ben dorata, sfornate la nastrina salata e lasciatela raffreddare prima di servire.

 

Non mi resta che invitarvi a seguirmi in quest’avventura in cucina con Stuffer e a darvi l’appuntamento ad Ottobre a Bolzano con la nuova edizione di “In cucina con Stuffer” dove non vedo l’ora di cucinare e chiacchierare di nuovo con le mie, ormai, foodblogger preferite 😉