Iginio Massari: la nuova pasticceria a Milano con Intesa Sanpaolo

Le voci erano nell’aria ma la conferma l’ha data lui stesso con un post su Facebook in cui scriveva: “Amici milanesi sto arrivando”.

A febbraio 2018 aprirà quindi a Milano la pasticceria di Iginio Massari, il pasticcere della famosissima Pasticceria Veneto di Brescia, fondata nel 1971.

Chi è Iginio Massari

Il maestro pasticcere Massari in realtà non dovrebbe necessitare di presentazioni. Abbiamo parlato di lui già qui, in un articolo in passato (lo ricordate?) ma ci piace comunque continuare a farlo, questo perché la sua vita lavorativa è ricca di soddisfazioni e successi senza fine!

Iginio Massari infatti non è solo un volto noto della tv ma è anche il Fondatore dell’Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani, Cast Alimenti, allenatore e presidente della quadra italiana che ha vinto la Coppa del Mondo di Pasticceria sia a Lione che a Roma. Uno dei successi più grandi però arriva dalla sua pasticceria di Brescia, la Pasticceria Veneto appunto, la prima in Italia a far parte della catena Relais Desserts (di cui il pasticcere è anche membro consigliere).

Possiamo dire che quest’uomo ha fatto praticamente la storia della pasticceria italiana, mettendosi però sempre in gioco e restando a passo coi tempi. Una persona ricca di stimoli ed ambizioni, e non stiamo esagerando!

L’apertura della pasticceria di Milano

Più che ufficiale quindi questa nuova avventura!

La pasticceria aprirà all’interno della sede di Intesa San Paolo di Via Guglielmo Marconi, la strada che collega Piazza del Duomo con Piazzale Diaz. Un punto più che centrale dove poter ammirare tutta la fase di produzione dei dolci, questo grazie al laboratorio a vista che si trova nella pasticceria. Il rinnovo dei locali è già pronto, bisogna solo aspettare il prossimo mese di febbraio!

Noi siamo certi che questo sarà un altro boom del maestro, d’altronde parliamo di chi crea i suoi dolci pensando di: “Stimolare subito il senso della vista con pulizia e minimalismo ed esaltare chi lo consuma, ancora prima di chi lo fa”.