Re Panettone 2021: l’evento più atteso torna a Milano e Napoli

Esposizione, degustazione e mercato: dopo lo stop forzato dello scorso anno, non cambia la formula di Re Panettone, una delle manifestazioni più attese per celebrare il grande lievitato della tradizione natalizia italiana, che quindi ripresenta le sue due edizioni a Milano e a Napoli.

Re Panettone Milano, torna l’evento sul panettone artigianale

Ad aprire le danze è proprio l’appuntamento nella capitale mondiale del dolce: il 27 e il 28 novembre la suggestiva location di Palazzo del Ghiaccio ospita Re Panettone Milano 2021, giunto ormai all’edizione numero tredici, con ingresso gratuito.

Voluto e organizzato da Stanislao Porzio, Re Panettone è uno dei primi esempi di eventi dedicati al panettone artigianale e ha fatto da esempio e da apripista a tantissime altre iniziative in giro per il nostro Paese: il suo format classico prevede una competizione tra pasticceri in arrivo da tutta Italia, che presentano le loro creazioni a una giuria di esperti che decreta i vincitori.

re-panettone-milano

Evento Re Panettone 2021, le novità di quest’anno

La formula non cambia neppure per questa tredicesima edizione: Re Panettone 2021 vedrà la partecipazione di circa 30 pasticcieri italiani, chiamati a sfidarsi nelle due categorie di gara per conquistare il premio di Miglior Panettone e Miglior Lievitato Innovativo.

Il momento della proclamazione sarà sabato 27 novembre, quando la giuria nominerà i vincitori al termine di una degustazione alla cieca; il pubblico potrà seguire le fasi del concorso e, intanto, girare gli affascinanti spazi del Palazzo del Ghiaccio di Milano, edificio in stile Liberty inaugurato il 28 dicembre 1923 sotto la spinta del campione nazionale di pattinaggio, il Conte Alberto Bonacossa, allestiti per ospitare degustazioni e mercato di panettoni artigianali (in vendita al prezzo di 27 euro al chilo) a cui, per la prima volta, si aggiungono anche altri lievitati tipici e dolci natalizi artigianali di altre tradizioni.

Inoltre, in entrambe le giornate di sabato 27 e domenica 28 novembre sono organizzati anche due laboratori chiamati Crescendo, dedicati ai bambini dagli 8 ai 13 anni, previsti alle 11.00 e alle 15.00.

Re Panettone Napoli 2021, appuntamento a dicembre

Arriva invece alla sesta edizione la versione partenopea di questo importante evento, in calendario sabato 10 e domenica 11 dicembre presso le sale del Renaissance Naples Hotel Mediterraneo, nuova location scelta per l’occasione: Re Panettone Napoli 2021 sarà l’occasione per assistere al confronto tra una quindicina di pasticcieri provenienti da più regioni d’Italia, con una grande presenza di maestri campani.

La manifestazione prevede infatti il concorso tra i partecipanti, che si sfidano per la conquista del Premio Re Panettone Napoli destinato al Miglior panettone innovativo, scelto dalla giuria di esperti al termine della degustazione alla cieca.

Come a Milano, l’ingresso è gratuito e il pubblico avrà accesso alla mostra mercato, che propone panettoni e altri lievitati dei migliori maestri pasticcieri al prezzo di 27 euro al chilo; anche in questo caso, per la prima volta saranno presenti anche dolci di altre tradizioni natalizie, così da consentire ai visitatori di scoprire tantissime prelibatezze e specialità delle Feste.

re panettone-napoli

La filosofia dell’evento Re Panettone

Era il novembre 2008 quando Stanislao Porzio inaugurò la prima edizione di Re Panettone al Teatro Litta di Milano: da allora, la kermesse dedicata al dolce tipico meneghino del Natale continua ad aver luogo alla fine di novembre nel capoluogo lombardo, ma si è anche aperta a edizioni in altre città, per diffondere ovunque la cultura del panettone.

Il suo fulcro resta l’esposizione di panettoni artigianali d’eccellenza, per promuovere la qualità all’insegna della filosofia “Tutto naturale, solo artigianale”: i pasticceri partecipanti, infatti, sono chiamati a confrontarsi con preparazioni basate sul tipico impasto di lievito madre, usare solo ingredienti naturali e a evitare accuratamente gli additivi e i semilavorati, e le loro creazioni sono valutate sotto i criteri di freschezza, genuinità e originalità, parametri che definiscono i veri prodotti artigianali di qualità.