Le tapas: guida alle migliori tapas di Madrid

Chi dice Spagna dice nacchere, sangria e paella. Ma se diciamo Madrid?

A lungo la capitale è stata messa da parte dai tanti turisti che sceglievano Barcellona come tappa spagnola dei propri viaggi. Oggi invece Madrid torna alla ribalta e sono sempre più numerose le prenotazioni per una vacanza nella capitale. Chi sceglie questa meta di sicuro non riuscirà facilmente a saltare un pasto: locali e localini dove poter mangiare sono un po’ dappertutto, c’è solo l’imbarazzo della scelta. I madrileni generalmente adorano consumare direttamente al bancone e non si fanno mai mancare delle buonissime tapas.

Già, ma cosa sono?

Le tapas, tipiche della cucina spagnola, sono dei piccoli stuzzichini monoporzione di gusti vari. In passato, nelle osterie e taverne, si era soliti coprire i propri bicchieri di alcol con dei piattini vuoti (per evitare che vi finissero dentro insetti e polvere) che poi sono stati soppiantati da pezzi di pane rustico con prosciutto. Dall’usanza di “tappare” ecco che si passa alle tapas moderne, decisamente più invitanti

 

Le tapas: guida alle migliori tapas di Madrid

Nella capitale spagnola sono tantissimi i posti dove poter mangiare ottime tapas, noi abbiamo scelto ognuna di queste per un motivo ben preciso:

Casa Alberto: da oltre 170 anni al solito posto, nella stessa strada, è frequentato da tutti i buongustai madrileni. Il suo stile tradizione, la gentilezza, la professionalità e la rapidità con cui sono soliti portare al tavolo le ordinazioni sono le qualità che saltano di più all’occhio.

Malaspina: dove le porzioni di tapas sono davvero abbondanti ed i prezzi ottimi. Si trova al centro della città e non è difficile qui poter incrociare qualche personaggio famoso della televisione, spagnola ovviamente, che però quasi sicuramente non riconoscereste!

Museo del Jamón: sempre affollato e facile da trovare. E’ una tappa obbligata per i tanti turisti che con pochi euro vogliono provare la strana sensazione di trovarsi in un “museo di prosciutti”! Proprio così, un’infinità di salumi sospesi sulle vostre teste vi avvolgerà con il proprio profumo.

La Descubierta: è un posto abbastanza spazioso ed ha particolari decorazioni alle pareti. Il personale è molto divertente ed è davvero un buon tapas bar, tipicamente spagnolo.

Estado Puro: senza ombra di dubbio vi stupirà per l’aspetto. Il soffitto è rivestito di pizzo ed il bancone è ricoperto di bambole di danzatrici di flamenco! Le tortilla di patate qui vengono servite in bicchieri e vanno prese con cucchiaio. Un posto stravagante e gestito da chef di alta cucina.

-Mercato di San Miguel: bello e ben curato, in questo mercato è possibile assaggiare tantissime varietà di tapas. La qualità, così come il prezzo, varia di stand in stand e non resta che andare un po’ “a naso”. Una volta acquistate è molto caratteristico mangiarle passeggiando tra i vari profumi e colori del mercato.

-El Tigre: molto frequentato durante lo ore notturne, questo locale è conosciuto soprattutto per le sue abbondantissime tapas. Con 5 euro si riesce a bere e mangiare a volontà, ma parliamo di specialità sempre fresche e buone.

-Los Amigos: per gustare le ottime tapas che ci sono qui basta ordinare una qualsiasi bevanda. Abbondanti porzioni di patatas bravas, crocchette, empadanillas o salsicce arriveranno al tavolo in base a ciò che si vorrà bere.

-Casa Pepe: si chiama Casa Pepe ma molti la conoscono come “Pepe el guarro” (ovvero Pepe lo sporco) ed il nome la dice lunga. Qui i clienti ordinano “alitas de pollo” (le ali di pollo) e ne buttano le ossa direttamente sul pavimento, non si può dire che si tratti di un comunissimo locale.

-Cervecería Sierra: molto frequentato dagli universitari, questo tapas bar ne serve una grande varietà. Qui non bisogna per forza ordinare una birra per poter provare le specialità della casa, anche una semplicissima Coca-Cola andrà benissimo.