I migliori panettoni 2020 da provare quest’anno

È partito il conto alla rovescia per le festività nataliziee, nonostante le criticità del momento e l’assenza della tradizionale aria di festa, è il momento di pensare a come arricchire il nostro menuper i giorni di Natale e Capodanno. E forse proprio la ricerca di un panettone specialepuò essere l’occasione non solo per distrarci dalla quotidianità, ma anche per assaporare qualcosa di buono e saporitoche ci regalerà qualche istante di gioia.

Il miglior panettone di Natale 2020

Una bussola nella ricerca del prodotto giusto arriva dall’appuntamento ormai tradizionale con Mastro Panettone, il contest inventato da Goloasi.it per individuare i migliori panettoni dell’anno, giunto già alla quarta edizione. Aperto ai mastri pasticceri di tutta Italia, il concorso chiede il rispetto di un preciso disciplinare per poter partecipare e quest’anno ha visto oltre 250prodottiin lizza.

Viste le difficoltà causate dalla pandemia, e come già avvenuto per l’incoronazione della migliore colomba per la Pasqua 2020, la finale con la degustazione dei prodotti da incoronaresi è svolta in diretta streaming dall’Hotel Excelsior di Bari, in presenza dei soli sei giurati (chiamati ad assaggi alla cieca dei dolci in gara) e del presentatore dell’evento ma in piena trasparenza, vista la partecipazione alla live di tutti i finalisti e del pubblico per tutto il corso della diretta.

La novità per il Natale 2020 è stata l’inserimento di una nuova categoria in gara: in aggiunta al “Miglior Panettone Artigianale Tradizionale” e al “Miglior Panettone Artigianale al Cioccolato“, infatti, per la prima volta il concorso ha premiato anche il “Miglior Pandoro Artigianale“, andando incontro alle richieste e ai gusti di chi al tradizionale lievitato milanese preferisce il dolce tipico veronese.

Chi vince il premio per il miglior panettone dell’anno

Oltre ai premi assegnati dalla giuria, il contest ha dato spazio anche al voto di una giuria “popolare”, che ha quindi portato al riconoscimento di altri prodotti da “tenere d’occhio” per questo Natale 2020.

La vittoria nella categoria di maggior prestigio, che incorona il “Miglior panettone artigianale tradizionale”, è andata alla creazione di Matteo Papanice di Cresci(Castellana Grotte, in provincia di Bari), che ha superato la proposta di Damiano e Valentino Rizzo della Pasticceria San Francesco(Spezzano della Sila, Cosenza) e il prodotto di Antonio Caputo Pasticcere(Altamura, Bari).

A forti tinte meridionali anche i premi della categoria “Miglior panettone artigianale creativo al cioccolato”, dove ad aggiudicarsi il primo gradino del podio è stato il panettone di Francesco La Manna e Tinto Mohamed della Pasticceria Mascolo(Visciano, in provincia di Napoli, già incoronato Re del Panettone 2018) seguito dalla preparazione di Stefano Lorenzoni di Arte Dolce(Monte San Savino, Arezzo) e dal panettone di Salvatore Tortora di Espresso Napoletano(Marigliano, Napoli).

È invece di Varese il “Miglior pandoro artigianale”, categoria in cui ha trionfato il pandoro di Claudio Colombo di PasticceriaColombo, che ha superato il prodotto di Carlo La Torre della Pasticceria Valentini(Roma) e il pandoro di Nicola Covella di Covella Pasticceri(Gioia del Colle, Bari).

Venendo invece ai premi assegnati dalla giuria popolare, nella categoria “Panettone tradizionale” vince Oscar Pagani, titolare di Non Solo Panea Palazzolo sull’Oglio (Brescia), una speciale forneria che è anche pasticceria e caffetteria. Come miglior “panettone artigianale creativo al cioccolato” è invece stato premiato quello di Roberto Rigacci di Rigacci ‘48(Cerbaia, Firenze), mentre il “Miglior pandoro artigianale” secondo la giuria non tecnica è quello di Angelo Grippa Pasticceria(Eboli, Salerno).

Il concorso Best Panettone of the World 2020

Negli stessi giorni si è svolto anche un altro concorso che accende i riflettori sul dolce tipico natalizio, ovvero il Best Panettone of the World 2020 organizzato dalla Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria Cioccolateria, che ha visto la partecipazione di 300 concorrenti provenienti da tutto il mondo(Italia, ma anche Cina, Giappone, Usa, Spagna, Francia e Marocco) distinti in tre categorie – Classico, Decorato e Innovativo.

I premiati sono stati Francesco Luni e Ruggiero Carli, vincitori assoluti ex aequo nella categoria Panettone Classico; Pasquale Pesce e Luca Borgioli, vincitori assoluti ex aequo nella categoria Panettone Innovativo, e Maria Principessa, che ha trionfato nella categoria Panettone Decorato.

Le creazioni sono state giudicate da una giuria composta da 5 giudici professionisti, tutti facenti parte dell’Equipe d’eccellenza Nazionale e Internazionale FIPGC, che hanno espresso grande soddisfazione per le proposte in gara, tutte di qualità superiore. “Abbiamo assaporato panettoni realizzati con i più svariati ingredienti; il più estrosonella competizione innovativa è stato un panettone con fiori eduli, ma il migliore assoluto è stato il panettone al rum con all’interno un babà, straordinario in tutte le sue caratteristiche organolettiche, infatti ha conquistato la medaglia d’oro come il miglior panettone innovativo 2020”, ha detto per tutti Maurizio Santilli, docente dell’Istituto Alberghiero “Federico Di Svevia” di Termoli con cariche internazionali nell’ambito del food & Pastry.

Gli altri panettoni stellati del 2020

Accanto a queste produzioni degne di premio, poi, anche quest’anno c’è solo l’imbarazzo nellasceltadi un ottimo panettone artigianalee alcuni grandi pasticceri, così come nel 2019, consentono di acquistare anche online le loro creazioni.

È il caso in particolare dei panettoni Massarigriffati dal maestro Iginio Massari, che per il Re dei lievitatisegue una complessa lavorazione che prevede quattro lievitazioni a tempo e temperatura controllati, che servono ad accrescere notevolmente la sua morbidezza, e due impasti, per un totale di 62 ore.  Nella versione classica, il panettoneè arricchito di preziosi cubetti di arancia candita calabrese e uvetta Sei Corone ed è chiuso sulla cima da glassa all’amarettorealizzata con mandorle e nocciole, un tocco di cacao, mandorle grezze e granella di zucchero. Disponibile anche nella variante golosa al cioccolato, con impasto punteggiato da morbidi canditi di arancia e arricchito da cremoso cioccolato, fondente e al latte.

Non meno prestigiosi sono i panettoni Pepe: dopo la scomparsa del compianto Alfonso Pepe, è tutta la famiglia a portare avanti l’attività di Pepe Mastro Dolcierea Sant’Egidio del Monte Albino (Salerno), riproponendo anche per il 2020 il grande classico del Panettone – morbido, saporito, perfettamente alveolato – che ben poco ha da invidiare alle preparazioni più tipicamente settentrionali.