Torta gianduia: ricetta piemontese della torta con gianduiotti

La torta al gianduia deve il suo nome alla tipologia di cioccolato utilizzato per la sua realizzazione, solitamente a base di nocciole Tonde Gentili Trilobate, che dopo la tostatura acquisiscono un sapore particolare, avvolgente, quasi tabaccato. Tornando a parlare della torta gianduia è giusto dire che la sua riuscita consiste nella qualità delle materie prime scelte, motivo per il quale è altamente consigliato optare per ingredienti di qualità, in particolar modo per quanto riguarda il cioccolato. La cioccolata gianduia, elemento principale per la buona riuscita della ricetta, può essere ricavata anche dai classici cioccolatini piemontesi, come quelli proposti da Venchi, un marchio che rappresenta una garanzia di qualità.

Ricetta piemontese torta gianduia – Ingredienti e preparazione

 

La torta gianduia, dolce cremoso e perfetto anche per chi segue un’alimentazione per celiaci, richiede ingredienti facilmente reperibili, come:

 

– 200 gr Cioccolato fondente extra

– 200 gr Burro per l’impasto a 50 gr per la glassa

– 200 gr nocciole tostate

– 30 gr cacao amaro

– 200 gr di cioccolata gianduia

– 200 gr zucchero semolato

– 4 uova

– 1 pizzico di sale

– 200 ml panna per dolci

 

Preparazione torta gianduia

 

  • Per preparare la torta gianduia è necessario fondere il cioccolato fondente riducendolo prima a pezzi, in modalità bagnomaria.
  • Si procede poi a tagliare il burro in piccoli tocchetti e aggiungendo 150 gr di zucchero, fino a creare un composto da lavorare in planetaria o con l’utilizzo di altri macchinari da cucina, come ad esempio le fruste elettriche. Il risultato dovrà assomigliare ad una crema liscia e morbida.
  • A questo punto si prendono le uova e si dividono i tuorli dagli albumi. Quest’ultimi vengono messi da parte mentre i tuorli vengono aggiunti uno alla volta al composto del punto 2. Si continua poi a mescolare, si frullano le nocciole insieme al cacao e si unisce il tutto all’impasto.
  • La ricetta prosegue versando a filo il cioccolato fondente fuso, a quanto precedentemente realizzato e si amalgama il tutto fino ad ottenere una crema densa e uniforme. Si uniscono poi gli albumi montati a neve insieme allo zucchero rimanente. I movimenti per montare gli albumi devono essere regolari, dal basso verso l’alto in modo da non smontarli.
  • Arrivati a questo step, si versa quanto preparato in uno stampo imburrato e lo si mette in forno preriscaldato a 160°C per circa 45 minuti.
  • Mentre la torta è in forno si prepara la glassa, sciogliendo il burro in un pentolino e aggiungendo il cioccolato gianduia. Una volta che questi due ingredienti saranno perfettamente fusi, si aggiunge la panna liquida fredda, avendo cura di continuare a mescolare.
  • Una volta che la torta è arrivata a cottura la si sforna e una volta raffreddata andrà ricoperta con la glassa al cioccolato gianduia. Per far sì che la torta non si rompa è consigliato non trascurare la fase di raffreddamento.
  • Chi gradisce può provvedere ad una decorazione ulteriore del dolce, aggiungendo cioccolatini al gianduia interi, gocce o scaglie di cioccolata e perché no, una granella di nocciole Tonde Gentili Trilobate, le vere e originali appartenenti alla tradizione piemontese.

 

Con pochi passaggi, semplici e veloci, è quindi possibile realizzare una ricetta adatta non solo come dessert di fine pasto ma anche per dedicarsi qualche colazione golosa.