Mr. Dick a Milano: la nuova pasticceria dei dolci super sexy

Ha appena aperto i battenti, ma nei primi giorni di attività ha attirato centinaia di clienti, golosi e soprattutto curiosi: come lascia intuire il nome, Mr. Dick a Milano non è una pasticceria qualsiasi, ma un laboratorio di dolci caratterizzati da forme per così dire intime, che danno un altro significato – molto più letterale – alla classica espressione food porn.

Mr. Dick, pasticceria a Milano

La pasticceria Mr. Dick si trova a Milano in Corso Porta Ticinese, in piena zona Navigli, e, come spiegano i due proprietari Claudia e Stefano, ha l’ambizione di imporsi come “la pasticceria più sexy d’Italia“: i suoi dolci, infatti, si caratterizzano perché sono tutti a forma di pene e vagina, ma convincono i clienti soprattutto perché sono buoni.

L’obiettivo di Mr. Dick è sdoganare i tabù attraverso la democratica tradizione italiana del cibo, promuovendo un approccio leggero e irriverente alla pasticceria e al sesso, che diventa un argomento naturale di cui sorridere.

Una sorta di reinterpretazione alla lettera di food porn, la tendenza alla spettacolarizzazione del cibo che, teorizzata a metà degli anni Ottanta, è poi divenuta dominante grazie ai social network e soprattutto a Instagram, una vetrina assoluta di fotografie di piatti godurosi.

mr-dick-milano-pasticceria

I dolci sexy di Mr. Dick

Claudia e Stefano di Mr. Dick hanno quindi deciso di dare una impronta marcata al loro progetto, sia nei dolci che nell’allestimento del locale.

Ad attirare l’attenzione dei passanti è innanzitutto l’insegna di Mr. Dick, che presenta in modo intuitivo la linea di prodotti venduti (e che è diventata un piccolo caso, visto che i proprietari sono stati costretti anche a coprirla per evitare problemi legati “al decoro urbano”, come spiegato tramite social), e poi dagli interni della piccola pasticceria, dove dominano il rosa e installazioni artistiche a tema sessualità.

Le pareti, infatti, sono contrappuntate da decorazioni a forma di vagina e led luminosi a forma di banana che stanno riscuotendo un enorme successo, anche se poi a fare la differenza è l’originalità della proposta dolciaria.

Tutti i dolci di Mr. Dick hanno infatti forme di chiaro riferimento sessuale, con i cupcake decorati per ricordare vagine e piccoli peni, o i più grandi waffle che sono realizzati a forma di organi genitali maschili e che si possono immergere in diverse salse al cioccolato e aggiungere vari topping.

dick-pasticceria

Il successo della pasticceria Mr. Dick

A incuriosire le persone non sono solo l’offerta gastronomica e il look del locale, ma anche la grande capacità comunicativa di Stefano e Claudia, che attraggono e intrattengono i clienti con simpatia e qualche battuta goliardica che alleggerisce ulteriormente l’atmosfera.

Nelle prime settimane di attività, la pasticceria Mr. Dick ha conquistato una larga fetta di clientela e ci sono state persone che hanno fatto ben due ore di coda in attesa di essere serviti e di addentare il curioso e malizioso waffle. È facile immaginare che il grande boom si avrà in occasione della festa di San Valentino, dove i dolci sexy possono essere una sfiziosa idea regalo per un partner, anche se non mancano altri possibili “casi di utilizzo” di queste paste, come ad esempio seratine piccanti, compleanni goliardici e addii al nubilato.

Gli altri esempi di pasticcerie sexy

Mr. Dick non è però il primo locale che si concentra solo sulla produzione di dolci dalle forme ispirate al sesso: in Europa, ad esempio, è famoso il caso de La Polleria, pasticceria sexy di Madrid che realizza dolci a forma di giganteschi peni.

Anche in Italia, poi, questo filone si sta rivelando piuttosto dinamico: già sul finire dello scorso anno la grande azienda di sex toys MySecretCase aveva proposto a Milano e Torino i prodotti de l’Orgasmeria, una waffle bakery online e itinerante che consegna le sue creazioni a tema peni e vagine attraverso i delivery. Recente è anche l’inaugurazione di Ventinove, pasticceria ad Aversa (provincia di Caserta) specializzata in fluffy pancake con rimandi sessuali (e già il numero 29, nella Smorfia napoletana, indica “il padre delle creature”, ovvero l’organo sessuale maschile).