Cibus 2022: torna il Salone dell’alimentazione a Parma

Dopo l’inevitabile spostamento in tarda estate dello scorso anno, Cibus 2022 ritorna nella classica collocazione estiva e, da martedì a venerdì prossimi, metterà nuovamente Parma al centro del dibattito sul presente e sul futuro della gastronomia e dell’industria a essa legata, con migliaia di aziende, operatori, professionisti e buyer chiamati a confrontarsi sul Made in Italy Alimentare e sulle problematiche di questo periodo.

Cibus 2022, che cos’è la fiera

Cibus, Salone Internazionale dell’alimentazione è la più importante fiera dedicata all’agroalimentare italiano, un appuntamento che da quasi 40 anni celebra la capacità del Made in Italy Alimentare di crescere rispettando e valorizzando la propria tradizione e i propri territori, sottolineando ancor di più il ruolo di Parma come capitale del food, come già evidente dal Polo dei Musei del Cibo e dalle altre tradizioni locali.

Nel corso dei quattro giorni della kermesse, istituzioni, associazioni di categoria, aziende e professionisti del settore agroalimentare Made in Italy si trovano per delineare insieme le future strategie per il food business, trovando nel Salone l’opportunità giusta per creare e sviluppare relazioni commerciali a livello internazionale, con uno sguardo rivolto al futuro e all’innovazione.

Ma c’è di più: Cibus è la fiera dei Territori, perché permette di scoprire di persona i prodotti e le iniziative del made in Italy alimentare attraverso le sue instancabili imprese e le loro aree di attività, riunendo appunto i protagonisti italiani e migliaia di buyer esteri, che possono vedere da vicino alcuni esempi dello sconfinato patrimonio tricolore. Per Cibus 2022, in particolare, sono attesi circa 2000 top buyer da Stati Uniti d’America, Europa, Medio Oriente, Sud America e Asean e un totale di 70mila visitatori, che saranno accolti da oltre 3.000 espositori con prodotti Authentic Italian e 50mila operatori professionali italiani della Distribuzione e della Ristorazione.

Inoltre, per la prima volta dopo 21 edizioni Cibus 2022 diventa “carbon neutral” grazie alla partnership tra Fiere di Parma e Carbonsink, società di consulenza leader in Italia nella progettazione di strategie climatiche, che ha portato all’adozione di un piano complesso per ridurre e compensare le emissioni residue attraverso crediti di carbonio certificati di alta qualità, promuovendo quindi lo sviluppo sostenibile.

cibus 2022 espositori

 

Cibus Parma, il programma e i temi

L’interesse per sostenibilità e ambiente è un segnale chiaro dell’attenzione che Cibus rivolge all’attualità, che diventa ancora più evidente guardando il programma di questa edizione, con decine di convegni, tavole rotonde, seminari, workshop e talk che serviranno a fare il punto sulle tematiche più rilevanti che riguardano le tendenze presenti e future dell’agroalimentare italiano.

Si parlerà innanzitutto della salute attuale del settore, alle prese con un ulteriore anno difficile, stretto nella morsa di inflazione, effetti del conflitto in Ucraina e rischio di flessione dei consumi interni, ma l’arrivo degli investimenti del PNRR e la continua crescita dell’export nelle geografie chiave possono consentire un passo verso la crescita del comparto nel medio periodo.

Spazio poi alla presentazione di alcuni dei tesori del made in Italy agroalimentare, perché a Cibus 2022 ci saranno in esposizione circa mille nuovi prodotti che le aziende alimentari stanno immettendo nei mercati, orientati a intercettare le nuove e più esigenti richieste dei consumatori, e quindi curati anche sotto gli aspetti di salute e benessere, gusto e nuove combinazioni di ingredienti, e poi territorialità e packaging sostenibili; i prodotti più innovativi saranno esposti in fiera nell’area “Cibus Innovation Corner”, selezionati da una giuria di esperti.

È invece destinato ai top buyers italiani ed esteri il programma “Cibus destination”, composto da visite guidate e percorsi tematici in fiera e sul territorio, dedicati a produzioni tipiche, territorialità, fuori casa e sostenibilità.

Anche attraverso queste iniziative si conferma il ruolo di Cibus come vetrina dei prodotti alimentari del Made in Italy e, più in generale, come fulcro del settore: Antonio Cellie, ceo di Fiere di Parma, ricorda che “Cibus negli ultimi 2 anni non si è mai fermato, supportando il sourcing degli operatori esteri con MyBusinessCibus.com; organizzando CibusForum nel drammatico 2020, inaugurando la ripartenza delle fiere nel settembre 2021 e presidiando con un proprio padiglione Expo Dubai”. Il tutto confermando sempre gli obiettivi e la mission, ovvero “difendere l’authentic Italian e supportare le nostre esportazioni”.

Ma protagonista è soprattutto il food&beverage, di cui forse a volte si trascura l’importanza, come ha detto Ivano Vacondio, Presidente di Federalimentare, per il quale il settore “”rappresenta internamente un vero e proprio vettore di coesione sociale, mentre se guardiamo all’export, le nostre eccellenze nel mondo continuano a rappresentare una fonte di ricchezza tramite la quale possiamo aiutare l’economia del Paese”. Ciò vale a maggior ragione in “condizioni difficili come quella che stiamo affrontando, per cui è importante celebrare i nostri prodotti, farlo con buyer italiani ed esteri, ricordando il grande valore di ciò che produciamo in termini economici e in termini sociali” grazie anche a manifestazioni come Cibus.

Cibus 2022, gli eventi più attesi

Tra gli altri spazi e momenti attesi di questa kermesse, che si svolge come detto dal 3 al 6 maggio a Parma, ci sono:

  • Area Horeca The Hub” dedicata alle aziende dell’ospitalità, all’interno di cui sono anche presenti i birrifici indipendenti e si terrà il Concorso “Birra dell’Anno”.
  • Cibus4Sustainability”, progetto sulle buone pratiche sostenibili di industria e distribuzione, ideato e organizzato da Cibus in collaborazione con PwC Italia.
  • Area di Le Village by Crédit Agricole Parma, con il supporto di ICE – Agenzia, in cui saranno presentate le innovazioni di prodotto e di progetto delle Startup.
  • Cibus in città” in due location speciali nel centro storico di Parma, con incontri, degustazioni, spettacoli e cucina. In particolare, il complesso di San Paolo, da poco ristrutturato e aperto al pubblico, ospiterà eventi, mostre, laboratori e incontri, mentre i Portici del Grano in piazza Garibaldi accoglieranno una food court per assaggiare le eccellenze del territorio in compagnia di buona musica e stand di birra artigianale in collaborazione con Unionbirrai.
  • Cibus Food Saving, iniziativa che consente di recuperare i prodotti che le aziende espositrici, al termine della manifestazione, scelgono di salvare dallo spreco, donandoli ai volontari di Banco Alimentare che poi li distribuiranno alle strutture caritative convenzionate sul territorio dell’Emilia-Romagna che aiutano le persone in difficoltà. Giunto al quarto anno, soltanto dopo Cibus 2021 questo progetto ha permesso di recuperare 15 tonnellate di alimenti, pari a 21mila tonnellate di CO2 equivalente non emessa, e di donare 30mila pasti alle strutture caritative alle persone in difficoltà.

cibus 2022 conferenza stampa

La Campania protagonista a Parma

A Cibus 2022 ci sarà anche la consueta presenza delle specialità gastronomiche della Campania, che sfrutterà la vetrina internazionale per rilanciare l’alleanza territoriale tra Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop e l’analogo Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano Igp, che condivideranno lo spazio espositivo e permetteranno ai visitatori e ai professionisti di scoprire alcune delle ricette più speciali dello street food italiano di qualità, grazie anche alla collaborazione con il Consorzio di Tutela Grana Padano Dop e con il Consorzio di Tutela del Carciofo di Paestum Igp.

In particolare, ogni giorno dell’evento sarà proposto un originale menu tematico che prevede la degustazione di frittatina di bucatini di Gragnano Igp, mantecati al Grana Padano, con Mozzarella di Bufala Campana Dop affumicata, o di rigatone di Gragnano farcito con Mozzarella di Bufala Campana, broccoletti, Grana Padano 24 mesi con ketchup di peperone, a cui si affiancheranno anche una particolare pizza in versione “on the road” e un goloso fiore di zucca ripieno di risone di Gragnano con Bufala Dop.

Come già avvenuto nelle precedenti edizioni di Cibus a Parma, il Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop partecipa con grande forza all’evento e, per il 2022, punta sulla voglia di tornare a incontrare pubblico e gli addetti ai lavori in condizioni di normalità; sarà inoltre presentato uno studio di mercato sulla mozzarella, realizzato da Nomisma, e svelata in anteprima la nuova campagna di comunicazione, affidata all’agenzia creativa McCann WorldGroup Italia.

Cibus 2022 a Parma, le informazioni utili

La 21esima edizione di Cibus, Salone internazionale dell’alimentazione, si svolge presso il quartiere fieristico di Fiere di Parma dal 3 al 6 maggio 2022.

Si tratta di un evento professionale riservato a esclusivamente agli operatori del settore Food, Ho.Re.Ca., GDO e Retail. Il biglietto giornaliero costa 80 euro, mentre l’abbonamento per 4 giorni costa 100 euro.

L’ingresso a CIBUS non è garantito se non acquistando il biglietto o registrando il proprio invito online.

Per tutte le altre informazioni, e in particolare per le norme relative alla sicurezza e ai protocolli adottati, si può visitare il sito ufficiale https://www.cibus.it/.