50 Top Italy 2022: quali sono i migliori ristoranti in Italia?

È tempo di classifiche per il mondo della ristorazione tricolore e, dopo aver elencato le migliori pizzerie d’Italia con 50Top Pizza, gli esperti di LSDM, Congresso internazionale di cucina d’autore, e della testata giornalistica Luciano Pignataro Wine&Food Blog hanno ora pubblicato la nuova edizione di 50 Top Italy – I Migliori Ristoranti Italiani 2022, una guida online consultabile gratuitamente e destinata appunto a rivelare quali sono i migliori ristoranti nel Paese.

50 Top Italy: I Migliori Ristoranti Italiani 2022

La nuova guida ha suddiviso i ristoranti italiani in due categorie, secondo tipologia di locale e fascia di prezzo, e quindi in realtà abbiamo due classifiche distinte, ciascuna delle quali contiene 50 riferimenti:  “Grandi Ristoranti” e “Cucina d’Autore”. Inoltre, in occasione della cerimonia di premiazione in diretta streaming condotta da Federico Quaranta, sono stati annunciati anche i vincitori dei premi speciali, che completano la panoramica sulla ristorazione italiana insieme alla classifica 50 Top Italy Luxury, riservata a Hotel, Relais, Residenze di Charme che ospitino anche un ristorante di alto livello e un servizio food&beverage di standard elevato.

A posizionarsi al top delle rispettive categorie sono tre superchef, ovvero Massimo Bottura, Antonia Klugman e Antonino Cannavacciuolo (questi ultimi, tra l’altro, hanno condiviso anche l’esperienza in giuria a Masterchef 7), a cui si accompagnano i vincitori delle altre classifiche “di nicchia”, per le migliori “Trattorie/Osterie 2022” e i locali “Low Cost 2022”.

miglior ristorante

Migliori ristoranti in Italia, i vincitori secondo 50 Top Italy

Nella categoria “Grandi Ristoranti” trionfa quindi Osteria Francescana a Modena, il celeberrimo progetto di Massimo Bottura già salito anche sul tetto del mondo con il premio 50 Best Restaurants, che supera Uliassi a Senigallia (Ancona), altro tempio della cucina italiana guidato da Mauro Uliassi, ed Enrico Bartolini MUDEC a Milano, il tempio di Enrico Bartolini; appena fuori dal podio Daní Maison, di Ischia (NA), e Duomo, di Ragusa.

Nella sezione “Cucina d’autore” è Antonia Klugmann a staccare tutti con il suo L’Argine a Vencò, di Dolegna del Collio (GO); medaglia d’argento per daGorini a San Piero in Bagno (FC), ristorante dello chef Gianluca Gorini, e sul terzo gradino del podio si posiziona Dattilo, di Strongoli (KR), dove in cabina di regia c’è Caterina Ceraudo; quarto e quinto posto per Marotta Ristorante, di Squille (CE), e Lido 84, di Gardone Riviera (BS).

Nel computo totale delle due classifiche, che come detto mettono insieme 100 nomi del gotha della ristorazione italiana, sono rappresentate ben 16 regioni dello Stivale: a fare incetta di menzioni è la Lombardia, a quota 13 insegne, che supera Campania (11), Lazio e Veneto (10), Piemonte (9), Toscana (8), Emilia Romagna (7), Marche (5), Abruzzo, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Puglia e Sicilia (4), Liguria e Trentino Alto Adige (3) e, infine, Sardegna (1).

Secondo i curatori del progetto, la guida “mette in luce un sistema gastronomico italiano vivo e attento ai cambiamenti, che, da Nord a Sud, ben ha saputo reagire alle mille difficoltà poste dalla pandemia”. Inoltre, spiegano ancora, “tutte le realtà ristorative sono state visitate dai nostri ispettori nel pieno rispetto dell’anonimato e, ovviamente, pagando il conto: giudizi tengono presente dell’insieme dei servizi offerti al cliente, dunque non solo il livello di cucina, ma anche il lavoro della sala, la cantina, senza dimenticare la capacità del locale di valorizzare il proprio territorio e l’attenzione riposta nei confronti della sostenibilità, ambientale ed economica”.

Le graduatorie dei migliori locali di nicchia

La giuria di 50 Top Italy ha riservato spazio anche ad alcune tipologie specifiche di ristoranti.

Nella classifica 50 Top Italy Luxury vince Antonino Cannavacciuolo con il suo il Relais & Chateaux Villa Crespi (Orta San Giulio, Novara) che ospita l’omonimo ristorante, che si impone sul Grand Hotel a Villa Feltrinelli (Gargnano, Brescia), che vede al suo interno il ristorante Villa Feltrinelli di Stefano Baiocco, e su per Borgo Egnazia (Savelletri di Fasano, Brindisi), che accoglie il ristorante Due Camini diretto dallo chef Domingo Schingaro. Per stilare questa graduatoria, la giuria di esperti enogastronomi ha valutato aspetti quali cucina in grado di soddisfare anche il palato del gourmet più esigente, servizio in sala, livello della colazione, bellezza della struttura, grado dell’accoglienza, personale adibito alla cura della clientela; e, ancora, elementi extra come aperitivi, room service, possibilità di usufruire di aree dedicate a wellness e beauty.

La guida 2022 di 50 Top Italy si estende poi ad altre sezioni, fino a suddividersi in 6 classifiche per tipologie di locali più ricercati dal grande pubblico: Etnici – Bracerie – Format Innovativi – Panini – Sushi – Ristoranti di Pesce. E quindi, ecco i vincitori per categoria:

  • Low Cost: Mezza Pagnotta, Ruvo di Puglia, BA
  • Trattorie/Osterie: Sora Maria e Arcangelo, Olevano Romano, RM
  • I migliori etnici: IYO Experience, Milano (cucina orientale)
  • Le migliori bracerie: Officina della Bistecca, Panzano in Chianti, FI
  • I Migliori Format Innovativi: Sea Front Pasta Bar, Napoli
  • I Migliori Panini 2022: Da Gigione Gourmand, Pomigliano, NA
  • I Migliori Sushi 2022: IYO Omakase, Milano
  • I Migliori Ristoranti di Pesce: Da Tuccino, Polignano a Mare, BA

I premi speciali di 50 Top Italy

Non è finita qui: oltre alle classifiche generali e di settore, nel corso dell’evento di presentazione della guida sono stati rivelati anche i vincitori dei premi speciali, Italian Special Awards 2022 – 50 Top Italy, assegnati a rilevanti personaggi del mondo dell’enogastronomia nazionale. Questo l’elenco completo

  • Chef dell’Anno 2022 – D’Amico Award: Enrico Bartolini, Enrico Bartolini MUDEC – Milano, Lombardia
  • Giovane dell’Anno 2022 – S.Pellegrino & Acqua Panna Award: Domenico Marotta, Marotta Ristorante – Squille (CE), Campania
  • Piatto dell’Anno 2022 – Mulino Caputo Award: Pasta e pomodoro alla Hilde, Uliassi – Senigallia (AN), Marche
  • Novità dell’Anno 2022 – Latteria Sorrentina Award: Dalla Gioconda – Gabicce Monte (PU), Marche
  • Maître dell’Anno 2022 – Birrificio Fratelli Perrella Award: Riccardo Andreoli, Duomo – Ragusa, Sicilia
  • Pasticceria dell’Anno 2022 – Mulino Caputo Award: Madonnina del Pescatore – Senigallia (AN), Marche
  • Migliore Carta dei Vini 2022 – Prosecco DOC Award: Lo Stuzzichino – Massa Lubrense (NA), Campania
  • Restaurant Manager dell’Anno 2022 – Solania Award: Raffaele Alajmo, Le Calandre – Rubano (PD), Veneto
  • Pranzo dell’Anno 2022 – Pastificio dei Campi Award: Il Pagliaccio – Roma, Lazio
  • Performance dell’Anno 2022 – Latteria Sorrentina Award: Piazzetta Milù – Castellammare di Stabia (NA), Campania
  • Innovazione e Sostenibilità 2022 – Solania Award: L’Argine a Vencò – Dolegna del Collio (GO), Friuli-Venezia Giulia
  • Valorizzazione del Territorio 2022 – Birrificio Fratelli Perrella Award: daGorini – San Piero in Bagno (FC), Emilia-Romagna
  • Modello d’Ispirazione 2022 – Pastificio dei Campi Award: Massimo Bottura, Osteria Francescana – Modena, Emilia-Romagna
  • Ospitalità 2022 – D’Amico Award: Dattilo – Strongoli (KR), Calabria
  • Costanza nel Tempo 2022 – Olitalia Award: D’O – Cornaredo (MI), Lombardia
  • Tradizione Familiare 2022 – Olitalia Award: La Brinca – Ne (GE), Liguria