10 film sulla cucina da vedere assolutamente chi ama cucinare

Il cibo è una componente fondamentale delle nostre vite e non è sorprendente che sia al centro di tantissimi prodotti multimediali: foto, canzoni, video su YouTube, serie su Netflix, tv show e, ovviamente, film. Oggi ci concentriamo proprio sul rapporto tra film e cucina, elencando dieci lavori che mettono l’elemento food al centro della trama e protagonista delle vicende al pari degli attori.

Cinema e cibo, le ricette più famose nei film

Iniziamo subito da una premessa: il nostro elenco non contiene riferimenti a film che “citano” soltanto ricette o alimenti, anche se si tratta di veri e propri capolavori della storia del cinema.

Ad esempio, non citiamo Pulp Fiction nonostante il 5 Dollars Milkshake di Mia Wallace o i Big Kahuna Burger di Vincent Vega e Jules Winnfield; non ci sono Un americano a Roma nonostante la celeberrima scena del “maccherone” che provoca Alberto Sordi né Il favoloso mondo di Amèlie, anche se per la protagonista rompere col cucchiaino la copertura cristallina della crème brulée è uno dei piaceri della vita.

Tra gli altri riferimenti assenti citiamo ancora la torta ai mirtilli di My Blueberry Nights – Un bacio romantico di Wong Kar-wai (più ricercata delle “banali” torta di mele e cheesecake che terminano ogni sera, come spiega Jude Law a Norah Jones), i cocktail di gamberi di The Blues Brothers (ordinati dai fratelli Blues per irritare e reclutare il loro ex trombettista Alan Rubin, divenuto maitre di un raffinato ristorante), i courtesan al cioccolato di Grand Budapest Hotel di Wes Anderson (golosi bigné ripieni di cioccolato confezionati in eleganti scatole rosa), lo strudel con la panna di Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino (al centro di una drammatica scena tra Christoph Waltz e Melanie Laurent) o ancora gli spaghetti and meatballs di Lilli e il Vagabondo e le altre ricette dei cartoni animati.

Film sulla cucina, un elenco di film con il cibo protagonista

I film di cucina che abbiamo “scelto” sono quelli in cui i protagonisti hanno a che fare con i fornelli e in cui, come detto, l’elemento food ha un peso specifico particolare e rilevante, senza essere quindi solo un fattore di contorno.

Volendo limitare l’elenco a 10 voci – non è una classifica, ma una raccolta di titoli – è stato poi inevitabile escludere alcuni film, alcuni dei quali a malincuore (ad esempio Sideways, che però è incentrato sul vino più che sulle ricette alimentari) e altri un po’ meno, come Mangia Prega Ama (fin troppo mainstream).

Film e cucina, 10 film a tema food da vedere

Ecco quindi i 10 film sulla cucina che andrebbero visti almeno una volta da tutti gli appassionati di gastronomia, presentati in rigoroso ordine cronologico di uscita.

  1. Miseria e Nobiltà (1954), regia di Mario Mattoli

Versione cinematografica di una straordinaria commedia teatrale di Eduardo Scarpetta (risalente al 1888), Miseria e Nobiltà racconta le disavventure di Felice Sciosciammocca (interpretato dal grande Totò) e della sua famiglia allargata, che si travestono da nobili per supportare la storia del marchesino Eugenio con la ballerina Gemma (Sofia Loren), figlia dell’ex cuoco arricchito Gaetano Semmolone. Tra i tanti momenti esilaranti si ricordano soprattutto quelle legate al cibo, e in particolare la scena degli spaghetti (con Totò che si infila gli spaghetti in tasca per conservarli), quella del gelato (su cui si fiondano i “falsi” nobili) e quella del sedicente Principe di Casador nelle cucine della casa di Semmolone.

Miseria-e-Nobilta

  1. La ricotta in Ro.Go.Pa.G. (1963), regia di Pier Paolo Pasolini

Cambiamo registro con una menzione d’autore: nel film Ro.Go.Pa.G. (dalle iniziali dei maestri Rossellini, Godard, Pasolini e Gregoretti che dirigono i quattro episodi di cui si compone il lungometraggio) c’è il segmento La Ricotta girato da Pasolini in cui la fame ha un ruolo centrale. La sfortunata comparsa Stracci, ingaggiato come ladrone in una rappresentazione della Passione di Cristo, si ingegna per mangiare, ma alla fine muore per indigestione mentre è in scena sulla croce, di fronte all’indifferenza generale: una fortissima denuncia della decadenza morale dell’uomo, sottolineata in maniera esemplare dal regista.

ROGOPAG-ep-la-Ricotta

  1. La grande abbuffata (1973), regia di Marco Ferreri

Restiamo sul tono impegnato anche con questo film, che racconta del progetto di quattro uomini che, stanchi della loro vita, decidono di suicidarsi mangiando fino alla morte: Ferreri riunisce quattro giganti del cinema come Ugo Tognazzi, Marcello Mastroianni, Philippe Noiret e Michel Piccoli per metterci davanti agli occhi una feroce critica alla società dei consumi (mezzo secolo fa!) e alla sua bulimia che fagocita tutto. Il lungometraggio è sicuramente complesso e non è adatto a tutti, ma rappresenta una pietra miliare nel rapporto tra cinema e cucina.

la-grande-abbuffata

  1. Il pranzo di Babette (1987), regia di Gabriel Axel

È il primo film sugli chef di questo elenco, anche se in questo caso la protagonista è in incognito (spoiler!): la Babette del titolo è stata in precedenza la cuoca del Café Anglais di Parigi che “trasformava ogni banchetto in una avventura amorosa”, e decide di regalarsi un’altra occasione per dare dimostrazione della sua maestria anche nel paesino in Danimarca in cui si è ritirata a vivere, preparando specialità come le Quaglie en sarcophage o i blinis Demidoff che riescono a conquistare tutti gli invitati al pranzo.

Una curiosità: Il pranzo di Babette è il film preferito di Papa Francesco, che lo ha citato anche in Amoris laetitia, l’esortazione apostolica del 2016.

babette_film cucina

  1. Big Night (1996), regia di Stanley Tucci e Campbell Scott

La Big Night del titolo è quella in cui i due fratelli Primo e Secondo Pileggi (rispettivamente Tony Shalhoub e Stanley Tucci) si giocano il destino del loro Ristorante Il Paradiso sulla East Coast statunitense. Con leggerezza, simpatia ma anche verosimiglianza questo film racconta un po’ di “dietro le quinte” del mondo della ristorazione, dove non mancano gli imprevisti tipici del mestiere, ed è ricco di scene e piatti entrati nell’immaginario collettivo, come il timpano (il timballo ispirato alla musica) o la colazione in cucina.

film cucina_big night

  1. Ratatouille (2007), regia di Brad Bird e Jan Pinkava

È forse il più famoso tra i film sugli chef, anche se in questo caso il vero protagonista è il topolino Rémy che, con i suoi consigli, guida (letteralmente) l’impacciato cuoco Alfredo Linguini fino alla conquista delle “stelle” gastronomiche assegnate dal critico Anton Ego. Un capolavoro dell’animazione firmato Disney Pixar che può conquistare davvero tutta la famiglia e far nascere la curiosità verso la cucina nei più piccoli.

ratatouille_film

  1. Sapori e Dissapori (2007), regia di Scott Hicks

Commedia romantica e leggera che si incentra sul rapporto tra Aaron Eckhart e Catherine Zeta Jones, in competizione per il ruolo di chef del ristorante in cui lavorano. L’esito è piuttosto prevedibile, ma comunque il film è piacevole e offre dei simpatici spunti gastronomici.sapori e dissapori_film

  1. Julie e Julia (2009), regia di Nora Ephron

Altro riferimento immancabile quando si parla di film sulla cucina, questo simpatico lungometraggio ha fatto conoscere ai più giovani la figura di Julia Child, la gourmand che ha contribuito al successo della cucina francese negli Stati Uniti grazie ai suoi manuali e ai programmi televisivi.

Julie e Julia_film

  1. Chef – La ricetta perfetta (2014), regia di Jon Favreau

Una recensione negativa può dare una svolta positiva a una carriera? Sì, secondo questo divertente film di Jon Favreau (anche in veste di protagonista) che racconta la rinascita professionale di Carl Casper, chef professionista stroncato dalla critica di Oliver Platt e capace di ripartire da zero o quasi, reinventandosi cuoco su un food-truck. Oltre al tema gastronomico, in questa commedia è centrale anche il ruolo dei social network e della comunicazione mediata, sia in chiave positiva che negli aspetti più negativi e rischiosi.

chef_film

  1. Il sapore del successo (2015), regia di John Wells

L’ultimo film sugli chef che citiamo è ambientato nel mondo della cucina gourmet e ruota intorno alle vicende di Bradley Cooper, che è appunto un cuoco ossessionato dall’obiettivo del raggiungimento della terza stella Michelin, che lo spinge a eccessi e dipendenze (il titolo originale è infatti Burnt, bruciato, da intendersi anche in senso psicologico). Dopo il fallimento del suo ristorante parigino, lo chef potrà cercare il riscatto a Londra, dove conoscerà anche una collega che gli mostrerà un approccio differente alla cucina.

il sapore del successo_film