Guida ai concorsi sul “Miglior Panettone”: perché ce ne sono così tanti?

Il miglior panettone italiano è bresciano. No, campano. Anzi, romano. Oppure non è ancora stato deciso, forse nemmeno preparato. A leggere le notizie online in queste ultime settimane si rischia di perdere l’orientamento e di restare a dir poco perplessi, e quelli citati sono solo alcuni dei titoli che abbiamo personalmente incontrato: tutta questa confusione nasce dall’incremento dei concorsi sul miglior panettone italiano, destinati appunto a eleggere il prodotto di maggior qualità dell’anno, ma diventati ormai talmente numerosi da necessitare di una vera e propria guida!

Guida ai concorsi sul miglior panettone

Panettone Day; Una Mole di Panettoni; Coppa del Mondo del Panettone; Campionato del Mondo del Panettone o The Best Panettone of the World FIPGC; Panettone World Championship; Re Panettone; Mastro Panettone.

Questi sono solo alcuni dei concorsi italiani dedicati al classico dolce della tradizione natalizia originario di Milano, che negli ultimi anni ha ripreso una grande centralità sia nell’interesse dei consumatori che nella produzione dei maestri pasticceri, impegnati a mixare sapientemente le ricette classiche con sperimentazioni a volte anche ardite.

E quindi, sulla scia di questo successo, ecco che spuntano decine e decine di concorsi che incoronano quello che – sulla base dei criteri impostati – risulta essere il “miglior panettone” dell’anno. Come se non bastasse, inevitabilmente queste manifestazioni devono anche “dar conto” dell’evoluzione della pasticceria, e quindi prevedono più categorie di gara oltre al panettone classicamente preparato nel rispetto della tradizione (sancita anche dall’apposito disciplinare di produzione).

Il vero risultato finale, insomma, è che il pubblico è sempre più disorientato, perché ci sono troppi eventi simili e perché con tutti questi concorsi alla fine sembrano vincere tutti.

panettoni natale

Quali sono i concorsi sui panettoni?

Proviamo quindi a districare questa matassa e a descrivere gli obiettivi e le regole di partecipazione dei concorsi per decretare il miglior panettone dell’anno, analizzando quelli più famosi, promossi da associazioni storiche e riconosciute.

  • Campionato del Mondo del Panettone – The Best Panettone of the World

È il concorso organizzato dalla Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria Cioccolateria, FIPGC, rivolto appunto a partecipanti di tutto il mondo (con tanto di nome e regolamento tradotti in inglese) e più precisamente a “Pasticceri, Gelatieri, Cioccolatieri e Cake Designers maggiorenni anche se non iscritti alla federazione”, che possono decidere di competere in una delle quattro categorie a disposizione:

  1. Il miglior panettone classico del mondo
  2. Il miglior panettone innovativo del mondo
  3. Il miglior panettone decorato del mondo
  4. Il miglior panettone gluten free del mondo

Il regolamento spiega che panettone classico è quello farcito con canditi, uvetta e cedro; è invece innovativo un panettone che apporta novità nel gusto e/o nei contenuti e/o in lavorazione o innovazione tecnica; i panettoni decorati devono essere originali e inediti al pubblico (quindi mai apparsi prima in altre manifestazioni, concorsi eccetera)

La giuria del concorso è composta da Professionisti che fanno parte dell’Equipe Eccellenze della Federazione Internazionale FIPGC, che utilizza come criteri di valutazione comuni profumo, taglio, cottura, gusto, sofficità, alveolatura, e poi innovazione (per la categoria specifica) e aspetto estetico, difficoltà delle tecniche usate, pulizia del lavoro (per le decorazioni).

  • Panettone Day

È nato “per premiare i migliori Panettoni artigianali e celebrare l’eccellenza della Pasticceria Italiana”, come si legge nel regolamento, ed è stato promosso da Braims in partnership con Novacart e in collaborazione con Callebaut, FB, Vitalfood e CAST Alimenti. Anche in questo caso ci sono varie categorie di gara:

  1. Miglior Panettone Tradizionale
  2. Miglior Panettone Creativo Dolce
  3. Miglior Panettone al Cioccolato Ruby

con le conseguenti differenze di ricette e requisiti. Ad esempio, per il Panettone Tradizionale (preparato nell’assoluto rispetto del disciplinare di legge) la giuria gusto forma, colore, qualità degli ingredienti, profumo, sofficità/fragranza, alveolatura, uniformità di distribuzione della frutta e cottura. Il panettone Creativo Dolce deve invece avere farciture, bagne, coperture, glassature, decorazioni, frutta, o altri ingredienti caratterizzanti diversi da quelli del Tradizionale, rispettando però il gusto dolce; per il panettone al cioccolato Ruby, il contenuto di Cioccolato Ruby Callebaut non deve essere inferiore al 10% del peso del prodotto finito e l’ingrediente deve essere utilizzato in inclusione e/o farcitura e/o glassatura.

  • Panettone World Championship

È l’Accademia dei Maestri del Lievito Madre e del Panettone Italiano che ha lanciato dal 2020 il concorso Panettone World Championship, con lo scopo di promuovere questo storico prodotto in Italia e nel mondo, tutelando in particolare l’utilizzo del lievito madre da parte di pasticceri, pizzaioli e panificatori che lo utilizzino e lo lavorino da almeno 10 anni.

In questo caso, quindi, non ci sono categorie o alternative, perché sono in competizione solo panettoni artigianali tradizionali, valutati da ben 3 giurie: quella tecnica è composta da “Maestri” del settore, quella di qualità da giornalisti e operatori specializzati del settore della comunicazione con una profonda conoscenza del prodotto, e quella popolare da un pubblico eterogeneo eletto a seguito di estrazione a sorte da apposite liste.

  • Coppa del mondo del Panettone

Nato da un’idea del Maestro pasticcere Giuseppe Piffaretti, è un evento a cadenza biennale rivolto ai professionisti maggiorenni della pasticceria e panetteria provenienti da tutto il mondo, chiamati a sfidarsi nelle due categorie di competizione: panettoni tradizionali e panettoni al cioccolato senza glasse.

La giuria tecnica valuta aspetto generale (forma e cottura), aspetto e colore interno (alveolatura), qualità e quantità del cioccolato, morbidezza-scioglievolezza, profumo, sapore e aromaticità.

  • Una Mole di Panettoni

Dalle origini chiaramente torinesi, questo concorso è nato da oltre 10 anni e riunisce i migliori lievitisti della pasticceria italiana, rappresentando una vetrina per il prodotto protagonista delle tavole natalizie.

Le categorie di gara sono varie:

  1. Panettone tradizionale piemontese (basso con glassa)
  2. Panettone tradizionale milanese (senza glassa)
  3. Panettone creativo
  4. Panettone salato

Il concorso è promosso dall’agenzia di organizzazione eventi Dettagli e vive il suo momento clou nelle splendide sale dell’Hotel Principi di Piemonte, in pieno centro a Torino, dove avviene la proclamazione dei vincitori.

  • Re Panettone

Lanciato nel 2011 e quindi prima (o almeno tra le primissime) rassegna nazionale a sostenere il boom di popolarità del panettone artigianale, Re Panettone negli ultimi anni si è sdoppiato, aggiungendo al classico evento a Milano anche una versione a Napoli. Le categorie premiate sono due: Panettone e Dolce lievitato innovativo.

  • Mastro Panettone

Mastro Panettone è un evento organizzato dal portale Goloasi.it e legato al mondo della pasticceria artigianale, che sin dalla prima edizione nel 2017 ha riunito maestri pasticceri provenienti da tutta Italia per incoronare il panettone artigianale più buono dell’anno.

È anche l’unico concorso che apre le porte al grande rivale di questo lievitato, perché alle categorie “Miglior Panettone Artigianale Tradizionale” e “Miglior Panettone Artigianale Cioccolato Creativo” aggiunge anche quella per il “Miglior Pandoro Artigianale”.

Il concorso si rivolge a tutti gli artigiani che utilizzano esclusivamente lievito madre fresco, che rispettino il disciplinare di legge e che si impegnano a non utilizzare mono e digliceridi degli acidi grassi e canditi con anidride solforosa.

  • Tenzone del Panettone

Altro concorso storico (prima edizione nel 2012), la Tenzone del Panettone nasce “per premiare i migliori panettoni artigianali e celebrare l’eccellenza della Pasticceria Italiana”. Le categorie di gara sono 3:

  • Panettone Tradizionale (preparato nell’assoluto rispetto del disciplinare di legge).
  • Panettone Innovativo (panettoni e lievitati da forno realizzati secondo l’estro e la fantasia del maestro pasticcere, e quindi con farciture, bagne, coperture, glassature, decorazioni, frutta o altri ingredienti caratterizzanti diversi da quelli tradizionali).
  • Panettone al Caffè (preparazioni che abbiano tra gli ingredienti un uso sapiente e creativo del caffè).

Inoltre, la kermesse prevede anche alcuni premi speciali: Junior Pastry Award assegnato al miglior pasticcere under 30, Pastry Queen Award per la miglior concorrente femminile e Panificatore Award per il miglior panificatore (dedicato a pasticceri da forno); Packaging Italia Award, destinato ai prodotti con miglior Packaging e aspetto visivo; Leavened Award alla miglior lievitazione; Raw Material Award per il Miglior utilizzo della materia prima; Gluten Free Award, riservato ai panettoni che non prevedono l’utilizzo di glutine; Opera Award, riservato ai panettoni con utilizzo dell’Aceto Balsamico di Modena “Opera”; History Award, riservato ai vincitori delle precedenti edizioni.

panettone fetta

Andare oltre i concorsi

Insomma, abbiamo citato una decina di concorsi che differiscono per pochi aspetti o addirittura per nulla: tutti difendono il panettone artigianale, tutti invocano la tradizione, qualcuno cerca anche di premiare la creatività (ma non in maniera eccessiva), tutti si autodefiniscono come “migliore” o più prestigioso del settore.

Come sempre, però, nel campo dell’alimentazione e della gastronomia non ci può mai essere una reale oggettività, e quindi il giudice finale è il nostro gusto personale: vale a dire, a decidere qual è il miglior panettone siamo pur sempre noi stessi seguendo i nostri criteri specifici, i parametri che noi stessi reputiamo principali e irrinunciabili. Ad esempio, se non a noi o a un nostro caro non piace l’uvetta o i canditi, di sicuro un panettone tradizionale non sarà la scelta giusta per la tavola delle Feste!

E quindi, questi concorsi e questi premi ci possono aiutare sicuramente a conoscere i nomi dei pasticceri che lavorano materie prime di qualità e sono riconosciuti come maestri, ma – visto anche il numero di queste competizioni – un vero vincitore assoluto non può esistere, né può essere trovato in questo modo.