Le residenze estive degli chef stellati: tutti i ristoranti in trasferta

Anche l’alta ristorazione segue i trend del turismo e ormai d’abitudine i grandi chef stellati italiani in estate lasciano le tradizionali location per concentrarsi su progetti paralleli ospitati in mete a vocazione turistica, appunto. Da Enrico Bartolini ad Andrea Berton, da Viviana Varese a Roberto Okabe e Gennarino Esposito, ecco quali sono le “residenze estive” di alcuni dei più famosi nomi della cucina italiana contemporanea.

Le residenze estive degli chef italiani

La tendenza è in atto ormai da alcuni anni e si ripete anche in questo 2022: all’arrivo del gran caldo estivo, alcuni dei più importanti chef italiani raddoppiano gli sforzi e collaborano come consulenti in ristoranti situati nelle località di vacanza più affollate, oppure si trasferiscono direttamente nel secondo ristorante sul mare (ma non solo).

Per alcuni si tratta di consulenze storiche che si rinnovano di anno in anno, altri sono alla prima esperienza estiva, e non manca poi chi collabora solo all’avviamento di una nuova attività, inaugurando nuovi progetti gastronomici che poi sono affidati a executive chef locali, che avranno il compito di tener alto il nome e l’onore del “brand”.

I progetti di Bartolini ed Esposito

Tra le iniziative più interessanti del 2022 c’è sicuramente Il Fuoco Sacro, il ristorante fine dining integrato all’interno del Petra Segreta Resort & Spa di San Pantaleo, in Sardegna, unico affiliato al circuito Relais&Chateaux, e aperto anche agli ospiti esterni alla struttura. Un luogo magico, bucolico e isolato nella macchia mediterranea che, oltre a una vista impareggiabile sulla costa e un meraviglioso giardino, permette anche di avvicinarsi alla cucina di Enrico Bartolini, lo chef italiano più stellato al mondo, che ha collaborato con lo chef-patron Luigi Bergeretto per realizzare un menu firmato a quattro mani ispirato a una cucina moderna dai sapori mediterranei.

Le prime settimane dopo l’inaugurazione hanno dato già riscontri positivi, con forte apprezzamento della proposta gastronomica, rispettosa del territorio e delle materie prime: gran parte degli ingredienti usati nelle cucine arrivano in particolare da una fattoria biologica, Stazzo Malcusa, che rientra sempre nelle proprietà di Bergeretto ed è poco distante dal resort.

hotel la palma capri

Non si sposta troppo in termini chilometrici Gennaro Esposito, che da alcune settimane sta dedicando attenzione anche a un altro progetto parallelo alla Torre del Saraceno: proprio nell’estate 2022, infatti, il bistellato guida e supervisiona i due ristoranti del rinnovato Hotel La Palma a Capri, il più antico albergo dell’isola (risale infatti alla prima metà dell’Ottocento) riportato ai fasti di un tempo dal gruppo Oetker Collection. Come accennato, sono due i ristoranti inseriti in questo contesto: Gennaro’s è descritto come un luogo contemporaneo e vivace che celebra lo spirito della cucina caprese (avvantaggiandosi anche della vicinanza con la rinomata Taverna Anema e Core) servendo una cucina italiana nella sua versione più autentica, mentre Bianca’s è un ristorante e bar di tendenza posizionato sul tetto dell’hotel, dedicato a chi cerca la raffinatezza più elevata.

Le location estive degli chef stellati

Saluta Milano (come ormai avviene dal 2016) Andrea Berton, che in città guida il ristorante omonimo con la sua stella Michelin: per questa estate 2022, lo chef raddoppia però il suo impegno in Sardegna, lanciando due diverse proposte, rispettivamente a Porto Cervo e a Santa Margherita di Pula.

In questo secondo progetto, Berton si fa carico della proposta gastronomica del ristorante Forte Bay, all’interno del Forte Village, e fino al 21 agosto proporrà insieme al suo team specialità come l’insalata di gamberi mandorle e lampone, spaghetti alla chitarra tiepidi, pomodoro crudo, olive e basilico; astice con daikon, papaia e cocco.

Per celebrare degnamente il 60esimo anniversario della Costa Smeralda, poi, Berton punta sul Meraviglioso, che articola la sua proposta gastronomica in diversi momenti della giornata: si comincia alle 11.00 con la colazione al Meraviglioso Piazzetta, cui segue l’always lunch (come dice la parola, si può mangiare a qualunque ora del giorno) e, dalle 18.00, l’après-beach, fino ad arrivare alla singing dinner con musica dal vivo e menu più casual. Chi cerca qualcosa di più ricercato e gourmet deve aspettare le 22, quando iniziano le attività del Meraviglioso Terrazza, che propone una cena esclusiva con proposte di alta ristorazione.

forte-bay-ristorante

La Costa Smeralda ospita in queste settimane anche lo chef nippo-brasiliano Roberto Okabe, che riapre come ormai di consueto il suo Finger’s Porto Cervo, versione “marittima” del suo ristorante milanese che si presenta con un nuovo look: per abbinarsi al mood creativo di Promenade du Port, l’elegante passeggiata tra gallerie d’arte, boutique, concept store e locali di tendenza, Okabe ha affidato il restyling del locale ad Alchymia, che ha arredato gli interni con pannelli decorativi di grande impatto scenografico. Non cambia invece la proposta gastronomica, che prevede un’esperienza gourmet all’insegna della cucina giapponese creativa con spruzzi di esotismo, come il cocktail esotico a base sake, come il Caipisake Maracuja, perfetto da gustare con rolls, maki, uramaki, gunkan e nigiri.

Chi sceglie di diversificare l’attività in estate

È invece la Sicilia la meta scelta da Viviana Varese, un’altra chef che d’estate abbandona Milano per un ristorante più intonato alla stagione calda: parliamo di Country House Villadorata, elegante e raffinata struttura nella campagna della Val di Noto, dove Varese presenta un’offerta gastronomica ispirata a un connubio tra fine dining e natura, sfruttando la magia di un contesto che vede la presenza di una tenuta di 22 ettari tra ulivi, mandorli, limoni, arance e un piccolo vigneto, tutti coltivati con metodo biologico.

C’è poi chi al mare preferisce la montagna: parliamo di Stefano Ciabarri, giovane chef che insieme a Stefano Masanti sovraintende la proposta gastronomica del ristorante Il Cantinone e Sport Hotel Alpina a Madesimo, in Valtellina (una stella Michelin): dal primo giugno scorso, i due hanno lanciato anche la nuova formula Cantinone Bistrot, una sorta di variante estiva, leggera e immediata, pensata anche per i più giovani, dove assaporare piatti giocosi creati con pochi ingredienti, spesso locali, come pesce di lago, frutti selvatici ed erbe di stagione.